Home / Nutrizione / Interrogazione parlamentare del Movimento 5 Stelle sulla lobbying a favore dell’olio di palma promossa dall’industria alimentare

Interrogazione parlamentare del Movimento 5 Stelle sulla lobbying a favore dell’olio di palma promossa dall’industria alimentare

olio di palma interrogazione parlamentare
Interrogazione del Movimento 5 Stelle contro la lobbying dell’olio di palma

La deputata Chiara Gagnarli del Movimento 5 Stelle ha depositato un’interrogazione parlamentare rivolta al Ministro della sanità Beatrice Lorenzin contestando la legittimità dell’iniziativa di lobbying portata avanti dall’industria alimentare a favore dell’olio di palma. intenzionati a dimostrare che  si tratta di un prodotto eccellente, buono per la salute e rispettoso delle foreste tropicali.

 

L’interrogazione prende spunto dalla notizia riportata su Il Fatto Alimentare relativa al “Piano di comunicazione sulla questione relativa all’olio di palma” finanziato con 55 mila euro dagli industriali dell’Aidepi.  La deputata pur riconoscendo legittima dell’attività di lobbying quando viene fatta alla luce del sole,  invita il Ministro della salute a riflettere sull’opportunità dell’iniziativa  “a fronte delle evidenze scientifiche ed i reportage apparsi nelle televisioni nazionali, negli ultimi mesi, sull’abuso di questo grasso alimentare e le sue conseguenze sulla salute oltre che sull’ambiente. Se gli industriali del dolce ritengono opportuno far sentire le loro ragioni, crediamo sia altrettanto corretto che il ministero della Salute supervisioni il tutto e promuova una propria campagna di sensibilizzazione affinché vengano diffusi i valori di una sana alimentazione, con minor apporto di calorie, di zuccheri e di acidi grassi saturi”.

Pile of Palm Oil Fruits with Seedlings
L’interrogazione solleva preoccupazione sui nutrizionisti “disponibili ad agire come endorser”

 

Il testo prosegue  con una riflessione  generale su Expo2015 evidenziando la contraddizione tra la presenza di McDonald’s e CocaCola, importanti  sponsor dell’evento, e l’ambizioso claim “Nutriamo il pianeta” , sollevando una  certa preoccupazione sui nutrizionisti “disponibili ad agire come endorser dei messaggi verso i media e verso pubblici istituzionali.

 

  Sara Rossi

Sara Rossi
giornalista redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

sale sodio

L’EFSA ha aggiornato i valori sul quantitativo giornaliero di assunzione per il sodio e il cloruro

L’EFSA rende noti i valori aggiornati del quantitativo giornaliero di sodio e di cloruro (che, insieme, …