Home / Pubblicità & Bufale / Gin-Pent integratore alimentare: la pubblicità è ingannevole. Censura dell’Istituto di autodisciplina pubblicitaria

Gin-Pent integratore alimentare: la pubblicità è ingannevole. Censura dell’Istituto di autodisciplina pubblicitaria

gin pent integratore
Il Comitato di controllo dell’Istituto di autodisciplina ha censurato il messaggio dell’integratore alimentare Gin Pent

Il Comitato di controllo dell’Istituto di autodisciplina pubblicitaria il 17 febbraio 2015 ha censurato il messaggio dell’integratore alimentare Gin-Pent di Ambrogio Vivai S.r.l.

Il testo della pubblicità esordisce con una frase a caratteri cubitali dove si dice:  «Ha scoperto l’albero della vita il Gin Pent». Sotto questa frase ci sono slogan che illustrano i molteplici ma anche improbabili benefici registrati in seguito all’assunzione dell’integratore. Si spazia  dai rimedi  contro l’influenza al miglioramento del colesterolo e perfino un beneficio verso il mal  di stomaco, ecc.

La sentenza non lascia spazio a dubbi «Il Giurì, esaminati gli atti e sentite le parti, dichiara la comunicazione commerciale esaminata è in contrasto con gli articoli 2 e 23bis del Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale e ne ordina la cessazione.»

Sara Rossi

© Riproduzione riservata

 

sostieniProva2

Le donazioni a Il Fatto Alimentare si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal): clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare

  Roberto La Pira

Roberto La Pira
Giornalista professionista, laurea in Scienze delle preparazioni alimentari

Guarda qui

Adriano Panrizoni

Panzironi non rispetta la sentenza dell’Antitrust, probabile l’arrivo di altre pesanti sanzioni

Adriano Panzironi rischia una seconda pesante sanzione dall’Antitrust dopo quella di 476 mila euro del …