Home / Nutrizione / Insalate fresche e assortite, ecco cosa si trova nei distributori automatici dell’Università di Trento

Insalate fresche e assortite, ecco cosa si trova nei distributori automatici dell’Università di Trento

I distributori automatici di insalate pronte esistono e si trovano a Trento presso i siti universitari di scienze e di economia. Più precisamente nell’Università degli Studi presso il dipartimento di Economia, all’interno del polo scientifico e tecnologico di Povo e nel dipartimento di ingegneria civile, ambientale e meccanica di Mesiano. La notizia è abbastanza curiosa, perché di solito in questi distributori dislocati presso industrie, uffici e scuole si vedono molte bevande zuccherate, acqua in bottiglia, snack e merendine di tutti i tipi. In qualche caso, quando i distributori sono refrigerati si possono acquistare anche yogurt o altri cibi  meno processati come formaggi stagionati, panini e altro.

L’idea di proporre un pasto più salutare e variegato è firmata da Gianni Giovannini, titolare e ideatore del progetto Orosaladuna piccola impresa che ogni mattina procede al riempimento dei distributori con il prodotto fresco. L’offerta di insalate cambia sovente. “Le insalate sono varie – spiega il gestore – e stiamo approntando una linea per la vendita di verdure cotte sottovuoto tramite e-commerce –  in questo modo riusciamo a garantire una maggiore durata del prodotto. Il prezzo di ogni porzione presso i distributori automatici varia da 6 a 7 euro. La somma comprende oltre all’insalata,  una schiacciatina, i condimenti (olio, sale e aceto) oltre al piatto compostabile e le posate biodegradabili. L’involucro è compostabile. I distributori installati  funzionano molto bene, tanto che il progetto prevede di ampliare il numero di Salad-Bar negli uffici delle aziende che hanno un certo numero di dipendenti.

© Riproduzione riservata

Da 12 anni Ilfattoalimentare racconta cosa succede nel mondo dei supermercati, quali sono le insidie nelle etichette, pubblica le sentenze sulle pubblicità ingannevoli oltre che segnalare il lavoro delle lobby che operano contro gli interessi dei consumatori.

Il nostro è un sito indipendente senza un editore, senza conflitti di interesse e senza contributi pubblici. Questo è possibile grazie ai banner delle aziende e alle migliaia di lettori che ogni giorno ci leggono e ci permettono di sfiorare 20 milioni di visualizzazioni l'anno, senza farcire gli articoli con pubblicità invasive. Ilfattoalimentare dà l'accesso gratuito a tutti gli articoli.
Sostienici, basta un minuto clicca qui. Se vuoi puoi anche farlo con un versamento mensile.

Roberto La Pira

  Roberto La Pira

Giornalista professionista, laurea in Scienze delle preparazioni alimentari

Guarda qui

lecca lecca

Dolci, caramelle e dessert surgelati spingono gli adolescenti a consumare più ultra-trasformati

Ogni americano adulto tutti i giorni ricava il 60% delle calorie che assume da alimenti …