Home / Etichette & Prodotti / Ingredienti pregiati presenti in quantità irrisorie nei prodotti… Quando le etichette ci illudono

Ingredienti pregiati presenti in quantità irrisorie nei prodotti… Quando le etichette ci illudono

Quando acquistiamo un alimento “industriale”, come una pasta ripiena, un secondo, un sugo, o anche una bevanda alla frutta o un prodotto da forno, spesso la scelta non è semplice perché l’offerta è sempre più ricca. Allora è facile affidarsi a ciò che ci colpisce di più, sulla confezione: l’immagine, la denominazione e gli ingredienti posti in evidenza. Sappiamo che l’immagine spesso è un semplice “suggerimento di presentazione” (e il produttore è tenuto a scriverlo, per legge), ma è comunque difficile sfuggire al fascino di una foto ben fatta.

E anche il nome del piatto, a volte, può trarre in inganno, in particolare quando sono vantati ingredienti pregiati, come crostacei, funghi porcini o aceto balsamico, presenti magari in quantità irrisorie.

Nei ravioli Rana “Oro rosso”, per esempio, ripieni di astice e gamberi, la polpa d’astice rappresenta il 20% del ripieno, che a sua volta corrisponde al 59% del prodotto. Una porzione da 125 g quindi, contiene 15 g scarsi di polpa d’astice e una pari quantità di gamberi. La quantità di crostacei è ancora inferiore nel risotto liofilizzato alle zucchine e gamberetti a marchio Conad. In questo caso la busta da 175 g corrisponde a due porzioni, per prepararla però sono necessari 600 ml di acqua: il peso finale sarà pari a 775 g, quindi circa 390 g a testa. La percentuale di gamberetti, sul totale è l’1,8%, quantità che corrisponde a 7 g.

Rimanendo sul gusto “pesce”, le Fantasie al salmone Philadelphia, piccole porzioni di formaggio spalmabile, contengono solo l’1,5% di salmone, affiancato dagli  “aromi”.

Il discorso è simile per i piatti arricchiti con funghi porcini. Una porzione (250 g) di risotto ai porcini Viva la mamma-Beretta contiene 8,4 g di questi funghi pregiati. Il risotto disidratato Knorr Risotteria ai porcini dichiara l’1,1% di porcini, quantità che, tenendo conto della reidratazione, corrisponde a 4,3 g a porzione. Nei ravioli Conad ai funghi porcini il ripieno pesa per il 50% e i porcini ne rappresentano il 15%, una porzione da 125 g, quindi, ne contiene 9,4 g. Una quantità maggiore è presente nelle  tagliatelle ai porcini surgelate Findus-4 Salti in padella, dove una porzione da 275 g ne contiene quasi 15 g.

L’aceto balsamico è un condimento pregiato e profumato. Per insaporire un piatto ne basta poco e certo non è in eccesso quando va ad arricchire i piatti pronti che troviamo al supermercato. L’hamburger di bovino con parmigiano reggiano e “aceto balsamico di Modena Igp” Fior fiore Coop contiene il 4% di crema all’aceto balsamico, la quale a sua volta è preparata con il 20% di aceto balsamico, si tratta quindi dello 0,8%, che in un hamburger da 180 g, corrisponde a 1,4 g.

Anche l’olio extra-vergine di oliva è un ingrediente di cui vantarsi. L’olio extra-vergine si trova ben in vista sul lato principale della confezione delle Piadinelle Morato gusto mediterraneo, nell’elenco degli ingredienti, però, pesa solo per il 2%, ed è al quarto posto, preceduto dall’olio di semi di girasole (5%). I taralli pugliesi con olio extra-vergine di oliva della linea Fior fiore Coop contengono il 4% di olio evo, anche in questo caso, però è preceduto da un generico “olio di oliva”, evidentemente più abbondante. Nei cracker Esselunga al rosmarino con olio extra-vergine di oliva, troviamo un 3,2% di olio evo, preceduto, nell’elenco ingredienti, da olio di mais.

A volte, leggendo l’elenco ingredienti, scopriamo che un prodotto non è proprio equivalente a ciò che si prepara a casa. Nel brodo di pollo Star, per esempio, il pollo rappresenta solo il 2,4%.

In alcuni casi gli ingredienti “sbandierati” suggeriscono aspetti salutistici. Questo accade, per esempio, con alcuni prodotti integrali, in cui la farina integrale è mescolata con farina bianca, oppure ricostituita aggiungendo cruschello alla farina bianca. I biscotti Oro Saiwa Cruscoro vantano sulla confezione la presenza di farina integrale, questa però è solo il 22%, mentre il 49% è dato da farina setacciata. Lo stesso accade con i Cracker Integrali Tuc, nel cui elenco ingredienti si legge: farina di frumento 61 %, farina di frumento integrale 19 %. Oppure nei cracker Doriano Doria Integrale a base di farina di frumento e cruschello di frumento, senza nemmeno l’indicazione della percentuale di cruschello.

Lo stesso può accadere con le bevande al mirtillo o alla melagrana, frutti ricchi di sostanze antiossidanti. Attenzione perché sul mercato si trovano ottimi succhi al 100%, o comunque con una percentuale elevata, accanto ad altri in cui è piuttosto bassa. La bevanda Rauch Bravo Premium al mirtillo, per esempio, contiene solo il 12% di succo di mirtillo, mentre nella bevanda a base di mirtillo Santal Plaisir il contenuto di succo e polpa del piccolo frutto si ferma addirittura al 5%.

Nella bevanda Arizona al Tè verde e melagrana il succo di frutta rappresenta il 5% della bevanda e il melograno, in particolare l’1,6%. Una bottiglia di questa bibita, pari a 500 ml, contiene 8 ml di succo di melograno…e oltre 40 g di zucchero. Interessante è anche la bevanda Aloe vera Pomegranate (a marchio Tropical), con la denominazione commerciale di bevanda analcolica con Aloe Vera gusto Melograno. Qui il succo di Aloe è presente per il 20%, ma del melograno c’è solo l’aroma!

Insomma, è sempre importante leggere con attenzione le etichette, ancora di più se cerchiamo alimenti con ingredienti particolarmente “pregiati”.

© Riproduzione riservata

Da 12 anni Ilfattoalimentare racconta cosa succede nel mondo dei supermercati, quali sono le insidie nelle etichette, pubblica le sentenze sulle pubblicità ingannevoli oltre che segnalare il lavoro delle lobby che operano contro gli interessi dei consumatori.

Il nostro è un sito indipendente senza un editore, senza conflitti di interesse e senza contributi pubblici. Questo è possibile grazie ai banner delle aziende e alle migliaia di lettori che ogni giorno ci leggono e ci permettono di sfiorare 20 milioni di visualizzazioni l'anno, senza farcire gli articoli con pubblicità invasive. Ilfattoalimentare dà l'accesso gratuito a tutti gli articoli.
Sostienici, basta un minuto clicca qui. Se vuoi puoi anche farlo con un versamento mensile.
Roberto La Pira

  Valeria Balboni

Guarda qui

Panino con carne coltivata di pollo

Carne coltivata: arriva il primo via libera della FDA a un prodotto dell’agricoltura cellulare

Con un pronunciamento che probabilmente sarà ricordato, ma che non è ancora il via libera …

10 Commenti

  1. Sarà che vi seguo da sempre, avevo già notato la questione. Proprio negli ultimi giorni mi è capitato in catalogo del cacio al tartufo ed ho lasciato fare, magari per curiosità leggerò quanto ne ha. In generale sono come scrivete specchietti per allodole, servono a fare pagare roba che non c’è… Uno dei settori in cui viene più usata è quella delle bevande, che peraltro sono bevande appunto non succhi, però a volte ci si inganna. Come avete scritto, il mirtillo è uno dei prodotti, nei prossimi anni la nuova bevanda miracolosa dovrebbe essere il melograno, lo metteranno ovunque.
    Come ho scritto altre volte, siamo alla “dittatura delle etichette”: difficile poter fare a meno di leggerle! E peraltro i caratteri usati non aiutano…
    Da parte mia una soluzione è quella di non acquistare prodotti “novità”, cerco di restare su quelli che conosco. Anche se non sempre basta, capita che cambiano magari gli ingredienti.
    Oppure cose strane. Ho sottomano della pasta di semola di grano duro, al suo posto c’è scritto “può contenere soia” e questo mi sembra che è normale. Poi però altrove, dove c’è il rettangolo bianco con la scadenza, hanno aggiunto “può contenere senape”. Se non andavo a vedere la scadenza, mi sarebbe sfuggito. Io non ho problemi con la senape, ma chi la ha? Lo scrivo da sempre: gli allergeni andrebbero scritti in modo molto più evidenti, preferibilmente in una posizione specifica che sia “sott’occhio”.

    • Gentilissimo, abbiamo notato anche noi un’etichetta analoga, ma non era di pasta. Potrebbe inviarci delle fotografie dell’etichetta? ilfattoalimentare@ilfattoalimentare.it graze

    • Maurizio Boscheri

      Salve, fin da giovane sono stato introdotto all’alimentazione vegetariana e bio, la fortuna di vivere in Alto Adige, provincia pioniera del biologico. Sono poi passato verso i 40 anni alla scelta vegana, ho lavorato negli anni, per alcune multinazionali del settore alimentare, apprezzando ancor di più la mia scelta e il mio stile di vita, i prodotti industriali sono sicuri dal punto di vista igienico( ma non del tutto) ma per quanto riguarda la qualità organolettica delle materie prime, c è da mettersi le mani nei capelli, meglio i produttori bio certificati, in Italia ci sono controlli più stretti e seri sul biologico.

  2. Ha senso fare questa lunga carrellata di prodotti SENZA DIRE CHIARO E TONDO CHE SONO TUTTI PERFETTAMENTE COERENTI CON LA NORMATIVA?
    L’art. 22 del Reg.UE 1169/2011 prevede infatti solamenente che quando un’ingrediente viene ad essere evidenziato in etichetta o è caratterizzante, ne va indicata la quantità presente (QUID).
    Mi pare che per tutti avete riportato la percentuale e quindi in etichetta c’era.
    Cosa vorreste insinuare?

    • È chiaro ed evidente che sì, ha perfettamente senso. Nell’ottica di mettere sull’avviso il consumatore che, per abitudine e per costrizione dei ritmi ossessivi della vita quotidiana, non sempre ha il bilancino elettronico o la calcolatrice scientifica al seguito quando si trova davanti agli scaffali. Se per Lei essere conformi alla normativa equivale di per sé a produrre il miglior prodotto possibile e inoltre a veicolarlo con trasparenza e oggettività, secondo me sbaglia di grosso.

    • Nessuno insinua niente, si offre un servizio al consumatore invitandolo a leggere con attenzione le etichette.

    • Gentile Squillantini, nessuno mette in dubbio che i prodotti siano conformi alla normativa. L’intento è semplicemente quello di sottolieare ancora una volta quanto sia importante leggere le etichette. Leggendo le etichette si possono cogliere differenze fra prodotti che magari a prima vista sono equivalenti.

    • Concordo con il commento di Francesco L. Certo che è tutto in regola, ma il senso dell’articolo è chiarissimo: “occhio al prezzo”… questo è ciò di cui ci stanno avvisando con la questione di questi non a caso “ingredienti pregiati”. Ed in secondo luogo ci avvisano della possibile “delusioni”: citando il caso da me riportato del tartufo, in questi prodotti rimarrò deluso dal sapore di tartufo, in quanto presente in percentuali basse. La sua polemica non la comprendo… Ripeto, come scritto nel mio primo commento: di questa cosa io me ne ero già accorto, perché è “evidente”.

  3. Una domanda che mi sorge spontanea: appurato che le etichette citate, sono tutte conformi all’attuale normativa vigente in termini di etichettatura; in che % devono essere presenti alcuni ingredienti (quid), per poter dire che effettivamente sono presenti all’interno del prodotto in modo significativo?
    Grazie
    Francesca L.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *