Home / Efsa / Influenza aviaria, si alza il livello di allerta in Europa dopo i focolai scoppiati in Russia e Kazakistan

Influenza aviaria, si alza il livello di allerta in Europa dopo i focolai scoppiati in Russia e Kazakistan

polliSi alza il livello di allarme per l’influenza aviaria in Europa. Ancora nessun caso registrato, ma i focolai scoppiati quest’estate in Russia e Kazakistan hanno fatto scattare l’allerta per i paesi europei, sollecitati a intensificare la sorveglianza per evitare che il virus, portato da uccelli migratori, possa dare luogo a nuove epidemie sul territorio dell’Unione, come rivela l’ultimo aggiornamento redatto dall’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa), dal Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc) e dal Laboratorio di riferimento dell’Unione europea per l’influenza.

Sulla base delle esperienze passate i focolai di influenza aviaria ad alta patogenicità (Hpai) scoppiati negli scorsi mesi tra il pollame e gli uccelli selvatici nelle zone occidentali della Russia e settentrionali del Kazakistan, fanno temere che presto il virus possa arrivare anche nell’Europa settentrionale e orientale, portato dagli uccelli selvatici durante i loro spostamenti. Le aree di Russia e Kazakistan interessate dall’epidemia si trovano infatti sulle rotte di migrazione autunnale degli uccelli acquatici diretti verso l’Europa, e in precedenza (nel 2005 e nel 2016) focolai estivi in queste regioni sono stati seguiti dall’arrivo dell’influenza aviaria nel Nord ed Est Europa tra l’autunno e l’inverno. E da qui il virus potrebbe poi diffondersi al resto del continente, Italia compresa.

Poultry farm business for the purpose of farming meat or eggs for food from, White chicken Farming feed in indoor housing
Focolai di influenza aviaria in Russia e Kazakistan fanno temere che il virus arrivi anche in Europa, portato da uccelli migratori

Il rischio è che un improvviso calo delle temperature in Russia e Kazakistan possa spingere gli uccelli selvatici a lasciare quelle aree e spostarsi rapidamente verso l’Europa e che con essi si muova anche il virus. È quello che si è verificato durante le precedenti epidemie di influenza aviaria ad alta patogenicità. Per questo i paesi europei, soprattutto quelli delle aree più a rischio, sono stati sollecitati ad adottare misure per individuare i casi sospetti di influenza aviaria, aumentare la sicurezza negli allevamenti e allertare tempestivamente le autorità competenti in caso di possibile focolaio.

Attualmente il rischio di trasmissione dell’influenza aviaria agli esseri umani è molto basso e riguarda principalmente gli operatori che lavorano a contatto con il pollame. Per ridurlo al minimo, tuttavia, è importante evitare di toccare gli uccelli morti senza dispositivi di protezione adeguati.

© Riproduzione riservata

  Giulia Crepaldi

Giulia Crepaldi

Guarda qui

Pig examination at laboratory. Healthcare industry, veterinarian checking pig health.

La peste suina africana avanza in Europa: nove Paesi colpiti. Situazione grave in Cina e in Asia

Mentre tutto il mondo segue con preoccupazione crescente l’evoluzione dell’epidemia da coronavirus, il virus della …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *