Home / Pianeta / Impatto ambientale dei cibi: uno studio tedesco valuta non solo la CO2 ma anche l’acqua, i fosfati e il consumo di energia

Impatto ambientale dei cibi: uno studio tedesco valuta non solo la CO2 ma anche l’acqua, i fosfati e il consumo di energia

Qual è il reale impatto ambientale degli alimenti che portiamo in tavola? Come si calcola? È possibile orientare le proprie scelte in modo da abbassarlo? A queste e altre domande su un termine sempre più familiare, ma non necessariamente sempre compreso a fondo, l’Istituto per l’energia e la ricerca ambientale di Heidelberg, in Germania, risponde con un dettagliato studio che analizza alcuni degli alimenti più diffusi nella dieta tedesca.

Di solito – premettono i ricercatori – si assume come indicatore la quantità di CO2 emessa in seguito a una certa pratica. Ma su questo i pareri non sono unanimi, perché i valori internazionali relativi agli alimenti, quali quelli del World Food LCA Database, del 2015, e quelli del Klimatarier (un altro archivio internazionale, del 2016) non sono sempre concordi. Inoltre, ricordano, non c’è solo la CO2: per avere un quadro più aderente alla realtà è necessario tenere presente anche il consumo di risorse naturali quali l’acqua e i fosfati, e il consumo di energia. Per tali motivi il lavoro è stato suddiviso in tre filoni principali:

Il primo è incentrato su aspetti non sempre considerati quali l’imballaggio, il trasporto e così via. L’obiettivo è far capire ai lettori che l’impronta di carbonio dipende anche dal tipo di produzione agricola (convenzionale o biologica), dall’ambito considerato (per esempio, il cibo alla cassa del supermercato o quello sul piatto), dal tipo di imballaggio e da altri fattori. Per avere valori più completi e realistici sono quindi stati analizzati, per 200 alimenti, i seguenti aspetti:

· Tipo di agricoltura (convenzionale o biologica)
· Produzione media o stagionale/regionale
· Produzione nazionale o di importazione tramite camion, nave o aereo
· Tipo di imballaggio
· Prodotti freschi o congelati.

La seconda parte affronta le impronte diverse da quella di CO2 quali lo sfruttamento delle rocce fosfatiche, del suolo e dell’acqua.

La terza parte fornisce le impronte di CO2 per piatti selezionati e preparati, per far capire quanto grande sia l’influenza del processo di preparazione. Inoltre mostra quanto cambiare le ricette possa modificare le impronte (per esempio, usando la soia al posto della carne, o la pasta al posto del riso). I quasi 200 prodotti, con diverse condizioni di coltivazione, confezionamento, importazione e così via, sono stati suddivisi nei seguenti gruppi:

· Frutta e verdura
· Prodotti lattiero-caseari, uova e sostituti del latte
· Carne e fonti proteiche alternative
· Prodotti ricchi di amido, olio o zucchero
· Bevande.

Applicando una serie di parametri, i ricercatori tedeschi hanno stilato specifiche tabelle che contengono, tra gli altri, i kg di CO2 equivalenti per kg di alimenti. Così, le mele ne hanno in media 0,2, ma se arrivano dalla Nuova Zelanda il valore sale a 0,8, mentre i fagioli in scatola raggiungono 1,3, contro lo 0,8 di quelli freschi.

latticini latte formaggi burro yogurt impatto ambientale
Il burro è uno degli alimenti peggiori per impatto ambientale

In generale, la frutta e la verdura con l’impatto di CO2 più alto sono sempre quelle in scatola o comunque conservate: nel caso delle lenticchie, anche quelle secche hanno un indice elevato (1,7), e i peggiori sono i funghi in scatola, con 2,4. Questi valori cambiano se si considerano i mezzi di trasporto: per esempio, l’ananas trasportato con l’aereo e inscatolato arriva a 15,1. Inoltre, se raffrontati con quelli degli alimenti animali, risultano molto minori. Il burro, per esempio, che è uno degli alimenti peggiori, ha un’impronta di CO2 di 11,5, e i formaggi attorno a 7, mentre la panna è a 5,3 e le uova a 3. Il latte è più basso, si aggira attorno a 1, a seconda del tipo, mentre lo yogurt è leggermente più elevato. Com’è ovvio, la carne è la peggiore di tutte: un chilo di manzo è in media associato a 13,6, kg di CO2 e se è biologico addirittura a 21,7 kg, il pollo oscilla tra 3 e 5 kg, il pesce attorno a 5 se di acquacoltura, 3 se selvatico, ma se è congelato arriva a 10 kg (valore che sale nel caso di crostacei, arrivando a superare 12).

I valori tornano poi bassi quando si analizzano altri prodotti di diverso tipo come il pane: in questo caso si rimane spesso al di sotto di 1, ma il cioccolato arriva a 4, e l’olio di oliva supera i 3, come del resto il caffè, che arriva a 5,6 kg di CO2. Molto interessanti poi anche le tabelle con le altre impronte, dalle quali emergono le enormi differenze che si verificano per il consumo di acqua, o per la necessità di energia e fosfati, con alcuni dati sorprendenti. Lo studio può in definitiva rappresentare una valida guida per chi desidera conoscere meglio l’impronta globale associata a ciò che mangia, e cercare di abbassarla orientando le proprie scelte sui prodotti che “consumano” ed “emettono” di meno.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

Roberto La Pira

  Agnese Codignola

Agnese Codignola
giornalista scientifica

Guarda qui

Piccante e raffinato: le tendenze della gastronomia 2021 secondo Pinterest

Pinterest ci promette un anno all’insegna della raffinatezza e della novità, in cucina e non …

2 Commenti

  1. Avatar

    Cito dall’articolo:
    “un chilo di manzo è in media associato a 13,6, kg di CO2 e se è biologico addirittura a 21,7 kg”
    quindi non mangiate carne biologica?
    Moderate, moderate.

  2. Avatar

    L’occhio clinico del signor Gozzi ha estratto prontamente una delle perle dello studio, la classe non è acqua.
    Però fare i raffronti soltanto tra pochissimi parametri dà a questo LCA lo stesso scarso valore che aveva prima quando si considerava la sola CO2 o il metano o altro e mantiene una sua coerenza soltanto riguardo al mondo vegetale.
    Scoprendo l’acqua calda certamente i sistemi intensivi consumano relativamente meno energia di altri sistemi fornitori della cosìdetta carne-felice ( che per me è un controsenso) ma questo dimostra soltanto che in una visione “meccanicistica” della vita un individuo serve meglio il suo tiranno se tenuto a stecchetto senza tante pippe sul “benessere” e nessuna possibilità di fare neanche un passo, un respiro libero o un pasto che il padrone non voglia, e con la durata della breve vita stabilita già alla nascita da un intelligentissimo algoritmo………
    Per concludere la VITA animale negli allevamenti intensivi perde completamente di significato, ma piace tanto ai consumatori affezionati perchè è scientificamente economica.
    Ma allora siete sicuri che lo scopo della vita di un animale sia solo quello di soffrire e poi finire in pentola o sulla griglia?
    Se proprio volete almeno moderatevi molto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *