Home / Allerta / Il 13 maggio 2010 scatta l’allerta alimentare in tutta Italia per una partita di omogeneizzati contaminati da insetticidi?.. ma è solo una simulazione

Il 13 maggio 2010 scatta l’allerta alimentare in tutta Italia per una partita di omogeneizzati contaminati da insetticidi?.. ma è solo una simulazione

Questa è la cronaca di un’esercitazione  di allerta alimentare nazionale realmente avvenuta il 13 maggio 2010 a Cremona, coordinata da un’Unità di crisi composta da Ministero della salute, Nas, Arpa, IZS, Istituto superiore di sanità e altri esperti di bioterrorismo.

Il team ha simulato una contaminazione di prodotti per bambini causata da due pesticidi  tossici. Nella simulazione, l’Unità di crisi era in collegamento audio e video con una decina di postazioni, presidiate dai responsabili regionali delle Asl che seguivano in diretta la vicenda. Nel corso della prova, il Ministero ha  diramato due comunicati stampa: uno all’inizio per annunciare di avere attivato un numero verde a disposizione dei cittadini, e un secondo alla fine, per comunicare che l’allerta è rientrato con il ritiro e il richiamo dei prodotti coinvolti.

Di fronte ad una situazione  così complessa forse era opportuno prevedere la pubblicazione giornaliera di un comunicato stampa per fare il punto della situazione.

 

Foto :Picasaweb

Lunedì 3 maggiohttp://lh4.ggpht.com/_Z9PLJTQf0LY/Sj5ifCEhRhI/AAAAAAAAAT0/JA45ZJ0toeA/s288/potentia-sm.gif 

I giornali e le televisioni della Toscana  annuncino che il fiume Latticello ha rotto gli argini. Nello stesso giorno il sig. Rossi, proprietario di un allevamento di trote in Toscana comunica all’Asl che da qualche tempo la crescita dei pesci è rallentata, molti si ammalano e alcuni muoiono.

Martedì 4 maggio 

http://lh4.ggpht.com/_Z9PLJTQf0LY/Sj5ifCEhRhI/AAAAAAAAAT0/JA45ZJ0toeA/s288/potentia-sm.gifL’ispettore Asl visita l’allevamento e  scopre che il sistema di filtraggio del fiume Latticello da cui proviene l’acqua non funziona bene e preleva campioni di pesci morti e di acqua per le analisi.

Lunedì 10 maggio 

http://lh4.ggpht.com/_Z9PLJTQf0LY/Sj5ifCEhRhI/AAAAAAAAAT0/JA45ZJ0toeA/s288/potentia-sm.gifI laboratori comunicano di avere trovato ingenti quantità di due insetticidi vietati nell’acqua e anche nelle trote (si tratta del Clorpirifos e del Toxafene, quest’ultimo considerato molto tossico per l’uomo). Gli ispettori tornano nell’allevamento per ricostruire la filiera e ritirare le partite di pesce in commercio. I primi ad essere avvertiti sono i ristoranti che abitualmente comprano le trote dall’allevamento, ma è troppo tardi perché il pesce è stato cucinato.  Poi ci sono le partite inviate al mercato ittico di Milano che rifornisce due catene di supermercati e alcuni lotti consegnati a due aziende di prodotti per l’infanzia. Nel pomeriggio a Roma viene convocata l’Unità di crisi composta da un esperto di contaminazione chimica dell’Istituto superiore di sanità, i responsabili del Ministero della salute che gestiscono le allerta alimentari, Nas, Izs e un esperto di bioterrorismo dell’Arpa per accertare l’eventuale natura dolosa.

Martedì 11 maggio 

http://lh4.ggpht.com/_Z9PLJTQf0LY/Sj5ifCEhRhI/AAAAAAAAAT0/JA45ZJ0toeA/s288/potentia-sm.gifMentre gli ispettori dell’Asl indagano, i giornali  locali riportano la notizia della moria di pesci lungo il fiume Latticello e nell’allevamento. La società Barbyfood di Roma comunica all’Asl di avere utilizzato il pesce per tre tipi di omogeneizzati a base di trota e di avere avviato le procedure di ritiro e richiamo presso i negozi. Anche l’azienda Pappeprontex di Perugia avvisa il ministero di avere iniziato il ritiro delle minestre disidratate per bambini fatte con una piccola parte di pesce. Nel pomeriggio l’unita di crisi viene informata che vicino al fiume, a 30 km dall’allevamento di trote, ci sono diverse aziende agricole che forniscono insalata e ortaggi ad un’azienda  alimentare. Il Tg regionale della Rai-Toscana nell’edizione serale comunica il ritiro dei prodotti contaminati dai negozi indicando i nomi e i lotti ritirati dal mercato.

Mercoledì 12 maggio 

I laboratori confermano la presenza elevata di Toxafene negli omogeneizzati a base di trota e nel preparato per brodo per bambini, ma solo un’azienda invia alle agenziehttp://lh4.ggpht.com/_Z9PLJTQf0LY/Sj5ifCEhRhI/AAAAAAAAAT0/JA45ZJ0toeA/s288/potentia-sm.gif stampa un comunicato invitando il pubblico a non consumare i prodotti. Il Ministero della salute dirama un comunicato stampa dove annuncia di avere adottato tutte le misure necessarie a livello nazionale. C’è però un’altra notizia che inquieta l’Unità di crisi: l’Asl informa che i terreni  nelle vicinanze dell’allevamento sono contaminati. Nel frattempo i quotidiani locali ipotizzano un’ipotesi dolosa, e paventano il ritiro di altri prodotti di marca. Il panico si diffonde. La situazione è tesa e nel pomeriggio arriva una nuova notizia dal laboratorio: gli ortaggi sono contaminati e bisogna ritirare dagli scaffali tutti i prodotti e avvisare i consumatori che hanno qualche confezione in casa. Per quanto riguarda gli omogeneizzati per bambini, c’è molto fermento tra le mamme. L’associazione industriale delle imprese di alimenti per l’infanzia chiede chiarimenti sull’origine della contaminazione, per evitare il coinvolgimento dell’intero settore. Il Telegiornale regionale della Toscana nell’edizione serale apre con un titolo ad effetto: “Sempre più preoccupante il giallo del fiume Latticello. Ritirate tonnellate di alimenti, imminente crollo del settore produttivo. Creato un gruppo su Facebook per chiedere la verità”. Alle 20,00 il Tg 1 Rai nazionale dice che le cause dell’emergenza pesticidi sono sconosciute. Seguono servizi con interviste a madri e passanti allarmati, impauriti e preoccupati per i figli.

Giovedì 13 maggio 

http://lh4.ggpht.com/_Z9PLJTQf0LY/Sj5ifCEhRhI/AAAAAAAAAT0/JA45ZJ0toeA/s288/potentia-sm.gifAlle 9,00 del mattino la Task force composta da Asl, Arpa , Izs e  Nas della regione Toscana comunica all’Unità di crisi di avere individuato una discarica abusiva nei pressi dell’allevamento vicino al  fiume, con fusti di sostanze chimiche. La zona viene recintata e i Tg all’ora di pranzo danno la notizia.

Venerdì 14 maggio 

http://lh4.ggpht.com/_Z9PLJTQf0LY/Sj5ifCEhRhI/AAAAAAAAAT0/JA45ZJ0toeA/s288/potentia-sm.gifIl giallo è risolto. Le aziende Barbyfood e Pappeprontex  annunciano di avere ritirato presso i punti vendita tutte le confezioni contaminate. La stessa notizia viene data dalle altre aziende coinvolte. Il Ministero della salute dirama un secondo comunicato stampa dove annuncia di avere  attivato un ritiro e un richiamo dei prodotti a livello nazionale,

Lunedì 17 maggio 

La televisione annuncia il cessato allarme, il recupero di tutti i prodotti contaminati e il trasferimento dei fusti in discarica. http://lh4.ggpht.com/_Z9PLJTQf0LY/Sj5ifCEhRhI/AAAAAAAAAT0/JA45ZJ0toeA/s288/potentia-sm.gif

Lunedì 24 maggio

Lhttp://lh4.ggpht.com/_Z9PLJTQf0LY/Sj5ifCEhRhI/AAAAAAAAAT0/JA45ZJ0toeA/s288/potentia-sm.gif’allerta rientra e l’unità di crisi si scioglie dopo avere redatto un rapporto per l’autorità giudiziaria. Il numero verde del ministero resta attivo fino alla fine del mese di maggio per informare i cittadini.

Foto : Picasaweb 

Ilfattoalimentare@riproduzioneriservata

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

pollo carne tacchino

Salmonella in pollo marinato dalla Polonia ed Escherichia coli in vongole dalla Grecia … Ritirati dal mercato europeo 74 prodotti

Nella settimana n°39 del 2020 le segnalazioni diffuse dal Sistema rapido di allerta europeo per …