Home / Supermercato / I prezzi pazzi dell’olio extravergine di oliva: sullo scaffale 70 marche e listini da 2,9 a 26 €/l. Come è possibile?

I prezzi pazzi dell’olio extravergine di oliva: sullo scaffale 70 marche e listini da 2,9 a 26 €/l. Come è possibile?

Di fronte allo scaffale degli oli di oliva extravergini anche gli intenditori hanno qualche momento di smarrimento.
Il problema non è  banale visto che  in un supermercato si possono trovare fino a 108  tipi di olio, considerando anche quelli di semi.
Ci si può affidare all’etichetta, ma solo in alcuni casi il consumatore possiede le corrette conoscenze per  interpretarla correttamente. Nella maggior parte dei casi le informazioni sono talmente tante che è difficile individuare quelle importanti.

Tullia Gallina Toschi dell’Università di Bologna ha presentato il 2 dicembre a Milano (in un convegno organizzato da teatronaturale.it per celebrare i 50 anni dell’olio extravergine)  una ricerca sulla percezione della qualità da parte del consumatore. Il lavoro è stato condotto prendendo in considerazione le marche di olio esposte in un supermercato di medie dimensioni, situato nel capoluogo emiliano a fine novembre e  i dati del settore forniti dall’Ismea. Sugli scaffali sono state classificate 72 bottiglie di olio extravergine di oliva, tra le quali 17  DOP, 2 IGP e una di olio biologico. Con una certa sorpresa erano esposte  anche due referenze di olio extra-vergine “novello” al prezzo di 6-7 euro al litro. Si tratta di una categoria non prevista dalla legge, che dovrebbe indicare l’olio ottenuto dalle olive raccolte nel corso dell’ultima campagna cha va da ottobre a dicembre. Lo studio ha valutato anche il tipo di imballaggio: la maggior parte degli extravergini è venduta in bottiglie di vetro scuro, un quarto in vetro chiaro, il 4% in lattina di metallo e solo un’azienda propone bottiglie di  plastica PET.

La vera sorpresa riguarda i listini che confondono ulteriormente le idee al consumatore. I prezzi variano d 2,9 €/l  per l’olio extravergine più economico, sino a 8,85 €/l, per quello più caro. Ma la scala prezzi si impenna a dismisura quando si sceglie una bottiglia di olio extravergine DOP, perchè  l’importo lievita da 6,3 sino a 26,2 €/l .

Difficilmente, in un supermercato, per altri prodotti alimentari si rilevano differenze di prezzo che arrivano sino a dieci volte di più. Forse per questo motivo e per la scarsa trasparenza del mercato molti consumatori scelgono sempre di più la marca in offerta speciale.

Secondo lo studio i listini degli oli di semi oscillano da 1,0 a 3,5  €/l, ma bisogna considerare che nel calcolo sono compresi  gli oli di mais, girasole e “cereali”,  più costosi degli oli di semi vari. Per  l’olio di oliva le oscillazioni di prezzo sono abbastanza contenute da 2,5 a 5,0 €/l . Questo vuol dire che sugli  scaffali ci sono oli di oliva (merceologia considerata di qualità inferiore rispetto all’extravergine ) che costano  più degli  extravergini ! Di fronte a  oli extra-vergini venduti ad un prezzo inferiore ai 3.00 €/l  come si può pensare di avere qualità?

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

  Roberto La Pira

Roberto La Pira
Giornalista professionista, laurea in Scienze delle preparazioni alimentari

Guarda qui

Torino: come risparmiare 1.100 euro al supermercato. Nella classifica di Altroconsumo il più conveniente è Mercatò

Se a Milano la convenienza è soprattutto a firma Esselunga, a Torino, sempre secondo l’annuale …