Home / Pubblicità & Bufale / Australia, multa da 1,4 milioni di euro a Heinz per snack per bambini con il 60% di zucchero pubblicizzati come “99% di frutta e verdura”

Australia, multa da 1,4 milioni di euro a Heinz per snack per bambini con il 60% di zucchero pubblicizzati come “99% di frutta e verdura”

Heinz Little Kids ShredzIl tribunale federale australiano ha condannato Heinz, uno dei maggiori gruppi alimentari mondiali, al pagamento di una multa di 2,25 milioni di dollari australiani, pari a circa 1,4 milioni di euro, per pubblicità falsa e ingannevole. L’accusa era di aver promosso degli snack a base di frutta e verdura disidratate sostenendo che facevano bene alla salute dei bambini tra uno e tre anni, quando non era così. Infatti, questi snack, che ora Heinz ha ritirato dal mercato, erano composti per circa i due terzi da zuccheri.

L’Australian competition and consumer commission (Accc), che aveva denunciato Heinz al tribunale, aveva chiesto una sanzione quattro volte maggiore e ha commentato la sentenza affermando che “il gruppo Heinz è una delle più grandi compagnie alimentari del mondo. Continueremo a sostenere sanzioni più severe per dissuadere le grandi aziende dall’impegnarsi in gravi violazioni delle leggi australiane sui consumatori, in particolare ora che il Parlamento ha approvato una legislazione che aumenta in modo sostanziale le sanzioni massime per queste violazioni”.

Heinz Little Kids Shredz etichetta
Heinz presenta il prodotto come “99% frutta e verdura” ma è composto per oltre due terzi da zuccheri derivanti da succhi e puree (clicca per ingrandire)

Sotto accusa erano i Little Kids Shredz, la cui confezione presentava in evidenza immagini di frutta e verdura fresche, accompagnate da frasi come “99% di frutta e verdura” e “La nostra gamma di snack e pasti incoraggia i bambini a scoprire da soli il delizioso sapore del cibo nutriente”. Immagini e frasi che, ha sostenuto l’Accc nella sua denuncia decisa dopo un esposto dell’Obesity policy coalition, indicavano ai consumatori che quei prodotti avevano un valore nutrizionale equivalente a quello di frutta e verdura ed erano un alimento salutare e nutriente per i bambini da uno a tre anni. In realtà contenevano oltre il 60% di zucchero, una quantità significativamente più alta di quella di frutta e verdura naturali.

Secondo l’Accc, prodotti come i Little Kids Shredz, anziché aiutare i bambini a sviluppare un gusto per i cibi nutrienti, possono inibire lo sviluppo di quello per la frutta e la verdura naturali, spingendo i bambini ad abituarsi e sviluppare una preferenza per i gusti dolci.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

Spot Barilla: perché tutti hanno il cappello tranne lo chef Oldani e Federer? Distrazione o spocchiosa superiorità?

Perché nell’ultimo spot di Barilla lo chef Davide Oldani e il suo compagno di cucina …

Un commento

  1. “anziché aiutare i bambini a sviluppare un gusto per i cibi nutrienti, possono inibire lo sviluppo di quello per la frutta e la verdura naturali, spingendo i bambini ad abituarsi e sviluppare una preferenza per i gusti dolci.”

    chissà perchè l’industria del cibo le studia tutte per nascondere o mascherare la presenza di zuccheri aggiunti nei prodotti industriali, o per lo meno mimarne l’effetto stimolante con dolcificanti.

    disabituare i consumantori ai sapori che non siano prepotentemente dolci (o salati).