Home / Nutrizione / Un gelato di legumi, senza soia, glutine e grassi idrogenati, muove i primi passi dalla Puglia

Un gelato di legumi, senza soia, glutine e grassi idrogenati, muove i primi passi dalla Puglia

Coppetta di gelato IUPPI per tutti a base di legumi fermentati, gusti colore verde e giallo (pistacchio e mango?)Pasta e fagioli e pasta e ceci sembrano ormai dei classici da archeologia culinaria. Ricette ottime, naturalmente, piatti completi e ben bilanciati ma, quando si parla di legumi, oggi gli stereotipi sono aboliti ed è possibile pensare in libertà. Questi vegetali, infatti, sono largamente impiegati nella produzione di una vasta gamma di alimenti, in particolare nell’ambito dei sostituti della carne, grazie alla loro ricchezza di proteine vegetali. Se si esclude la soia, però, l’idea di un dolce prodotto dalla fermentazione dei legumi rappresenta una novità. È proprio questa l’innovazione proposta dalla start-up pugliese Celery, specializzata in nutrizione e sviluppo di soluzioni alimentari avanzate: un gelato artigianale ottenuto dalla fermentazione dei legumi (senza soia). Quale stagione migliore per presentarlo?

La novità nasce da un processo brevettato dai fondatori di Celery (Domenico Centrone e Vito Emanuele Carofiglio) insieme a Carlo Giuseppe Rizzello, ordinario di Microbiologia degli alimenti all’università La Sapienza di Roma. Questo processo si basa sulla fermentazione di vegetali, in grado di generare una base senza glutine, né soia, ma anche senza latte, zuccheri e grassi idrogenti in diverse forme (liquida, in polvere o cremosa). Il primo prodotto realizzato con questa base (fatta da legumi e cereali insieme, nella versione liquida) sarà quindi un gelato, ‘IUPPI per tutti’, che già nel nome esprime la sua vocazione di alimento adatto alle più disparate esigenze. Non ci sono problemi di allergie, intolleranze ed è anche adatto ai celiaci, oltre ad avere buone caratteristiche nutrizionali, in quanto privo di grassi idrogenati, coloranti, conservanti e aromi artificiali. “Il processo di fermentazione che abbiamo brevettato – precisano dall’azienda – permette inoltre di eliminare tutti i fastidiosi fattori anti-nutrizionali tipici dei legumi, conservandone interamente le proprietà”.

Gelato a base di legumi fermentati, IUPPI per tutti
La base vegetale di legumi e cereali fermentati, è senza soia, glutine, grassi idrogenati, latte e zuccheri, ed è adatta anche a chi soffre di allergie

Tra le tendenze attuali nel mondo del gelato c’è infatti quella di proporre soluzioni adatte anche a chi, per esigenze particolari, fino a poco tempo fa avrebbe dovuto rinunciare, mentre adesso ci sono gelati senza latte, senza glutine, ricchi di proteine e anche sorbetti di sola frutta fresca. È in tale solco che si pone il nuovo prodotto, con l’ambizione di soddisfare diverse esigenze senza penalizzazioni sul fronte del gusto. Ci riuscirà Celery? Ci scommette Siryo, società specializzata in investimenti su tecnologie nel settore della salute e dell’ambiente, che ha già fornito un iniziale sostegno finanziario, per sviluppare la tecnologia e produrre il primo assortimento di prodotti. Il nuovo gelato sarà realizzato in 14 gusti, con ricette messe a punto dalla maestra gelatiera Taila Semerano, basate su ingredienti di qualità in linea con le caratteristiche della base. La vendita è prevista in gelaterie artigianali di proprietà, con l’insegna IUPPI per tutti. La prima apertura avverrà in Puglia, a Polignano a Mare (Ba), il prossimo 4 agosto, seguiranno altri punti vendita nella Regione e poi a Roma e a Milano. “Il piano di sviluppo prevede la realizzazione delle prime sei aperture in Italia nel giro di tre anni – concludono dall’azienda –. Poi il nostro progetto è quello di crescere anche al di fuori dei confini nazionali, in nord Europa e nord America”.

© Riproduzione riservata; Foto: azienda Celery

Da 12 anni Ilfattoalimentare.it racconta cosa succede nel mondo dei supermercati, quali sono le insidie nelle etichette, pubblica le sentenze sulle pubblicità ingannevoli oltre che segnalare il lavoro delle lobby che operano contro gli interessi dei consumatori.

In questi anni ci hanno sostenuto decine di aziende grandi e piccole con i loro banner e moltissimi lettori con le donazioni.

Tutto ciò ha reso possibile la sopravvivenza di un sito indipendente senza un editore, senza conflitti di interesse e senza contributi pubblici.

Il Fatto Alimentare dà l'accesso gratuito a tutti gli articoli e ai dossier. Questo è possibile grazie alle migliaia di lettori che ogni giorno ci leggono e ci permettono di sfiorare 20 milioni di visualizzazioni l'anno, senza farcire gli articoli con pubblicità invasive.

Sostieni ilfattoalimentare ci vuole solo un minuto clicca qui. Se vuoi puoi anche sostenerci con un versamento mensile.

Roberto La Pira

  Chiara Cammarano

Guarda qui

Alimenti della dieta mediterranea su un tavolo

La Dieta mediterranea diventa “Planeterranea”. Il progetto dell’Università di Napoli

La Dieta mediterranea è stata dichiarata Patrimonio culturale immateriale dell’umanità dell’Unesco il 16 novembre 2010 …

Un commento

  1. Onore a questi imprenditori, i più svegli sopravviveranno, dimostrazione che se c’è volontà, competenza e lungimiranza cambiare è possibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *