Home / Etichette & Prodotti / Biscotti Galletti Mulino Bianco prima e dopo la sostituzione dell’olio di palma. Stesse calorie, stessi ingredienti ma il 75% in meno di saturi

Biscotti Galletti Mulino Bianco prima e dopo la sostituzione dell’olio di palma. Stesse calorie, stessi ingredienti ma il 75% in meno di saturi

galletti confrontoI biscotti Galletti cambiano ricetta e abbandonano l’olio di palma. Si tratta del 38°prodotto di Mulino Bianco “geneticamente modificato” in pochi mesi. Un vero record per i fratelli Guido e Paolo Barilla che fino a un anno fa vestivano la casacca di paladini della natura, pur utilizzando nei biscotti e nelle merendine il mediocre e impresentabile olio di palma. L’azienda di Parma non è però un caso di mutazione isolato, basta andare nel corridoio dedicato a biscotti, merendine e fette biscottate di un supermercato per notare che  più della metà dei prodotti esposti è palm free. La sostituzione dell’olio tropicale con il girasole e/o altri grassi di miglior pregio, che fino a pochi mesi fa era ritenuta dalle aziende associate all’Aidepi un’operazione difficile e quasi impraticabile, adesso viene realizzata senza problemi.  In verità l’ottusa avversione verso il cambiamento delle ricette è sempre stata collegata a una banale questione di portafoglio, visto che l’olio tropicale costa meno rispetto ad altri grassi vegetali.

Per capire meglio quanto sia semplice la sostituzione proponiamo l’esempio dei Galletti Mulino Bianco, fotografati nella versione “con” e “senza”. La differenza sul frontespizio (vedi foto in alto), è solamente la scritta che abbiamo evidenziato in rosso  “-75% di grassi saturi – senza olio di palma”.

L’elenco degli ingredienti è pressoché identico, non considerando lo scambio “alla pari” tra palma e girasole. Barilla ha  cambiato solo  l’olio lasciando identica la ricetta!

galletti confronto ingredienti

Da un punto di vista nutrizionale la sostituzione del palma con il girasole ha permesso la drastica riduzione degli acidi grassi saturi (dal 9,2% al 2,2%) con somma gioia delle arterie. Persino le calorie sono rimaste  le stesse con un lievissimo incremento da 473 a 475 per 100g. Alla fine il bilancio per il settore dei biscotti, delle merendine e degli snack è  interessante, perché eliminare  il palma vuol dire minori incendi,  minore deforestazione e il salvataggio dell’habitat dei pochi oranghi che ancora vivono in Indonesia.

galletti confronto tabelle nutrizionali

© Riproduzione riservata

sostieni il fatto alimetnare

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal): clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare

  Sara Rossi

Sara Rossi
giornalista redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

È guerra alle Fake Meat. Ma vietare la parola “carne” sulle etichette delle alternative vegetali e coltivate aiuterà i consumatori?

I produttori di carne americani, dopo quelli francesi, dichiarano una guerra semantica alla finta carne …

6 Commenti

  1. Avatar

    M.B. è troppo ambigua…

  2. Avatar

    ma dov’è finito il piacere di mangiare qualcosa di buono…li ho sentiti i nuovi biscotti con il girasole …li definirei …SGONFI !!

    • Avatar

      Giusto! L’olio di girasole non ha niente a che vedere con il palma. Sono troppo diversi e solo il burro lo può sostituire in toto. Io li definirei anche sabbiosi.

    • Roberto La Pira

      Noi abbiamo provato i biscotti Le macine Mulino Bianco con palma e con girasole e la differenza sono difficili da percepire

  3. Avatar

    Raul, a me invece sono piaciuti più di prima… li ho trovati più leggeri… Non credo sia solo un’impressione dettata dal profilo nutrizionale. Comunque il palato è personale…

  4. Avatar

    Avete scritto un’inesattezza: Riguardo il discorso della gioia delle arterie. Dovete sapere che solo pochi grassi saturi sono aterogeni. E quelli più criticabili sono il laurico e soprattutto il miristico e sono presenti in quantità trascurabili nel palma e molto più abbondanti nel cocco o nel palmisto. Il palmitico fra i grassi saturi a lunga catena è quello che spaventa meno. Sono i grassi trans i nemici per le arterie.