Home / Pubblicità & Bufale / No alla partnership tra Coca-Cola e la presidenza Ue. La petizione di Foodwatch contro lo sponsor ufficiale “inappropriato”

No alla partnership tra Coca-Cola e la presidenza Ue. La petizione di Foodwatch contro lo sponsor ufficiale “inappropriato”

coca cola presidenza ue cartello bucharestNo alla partnership tra Coca-Cola e la presidenza rumena dell’Unione europea. La denuncia è partita dalla Ong Foodwatch, attiva in diversi Paesi europei, che ha scritto da una lettera aperta, accompagnata da una raccolta firme, destinata a Donald Tusk, presidente del Consiglio europeo, e Viorica Dăncilă, prima ministra rumena, per chiedere di fermare immediatamente la partnership tra il colosso delle bibite zuccherate e la presidenza Ue.

Dal gennaio 2019, la Romania detiene per la prima volta la presidenza di turno dell’Ue. Da allora il logo della multinazionale, che è considerata “partner platino”, è comparso in bella vista durante eventi ufficiali accanto a quello della presidenza, con slogan come “Coca-Cola sostiene con orgoglio la prima Presidenza rumena del Consiglio Ue”. A questi eventi sono stati visti anche gadget firmati, cartelloni pubblicitari e, ovviamente, bibite zuccherate a fiumi. Coca-Cola aveva già sponsorizzato la presidenza di turno polacca nel 2011, durante la quale aveva fornito ben 140 mila litri di bevande.

Secondo l’organizzazione “è completamente inappropriato che in un momento di gravi problemi di obesità e di onerose malattie associate, come il diabete di tipo 2, la Presidenza del Consiglio Ue sia sponsorizzata da Coca-Cola”. Anche perché nei prossimi mesi, l’Unione europea prenderà in considerazione delle possibili revisioni alla legislazione alimentare comunitaria, ma dovrà anche fare i conti con le questioni aperte dei profili nutrizionali per l’attuazione del regolamento claims, delle etichette a semaforo come il Nutri-Score, della tassa sulle bevande zuccherate e del marketing di cibi spazzatura ai bambini, tutte osteggiate da Coca-Cola.

Nel 2016, documenti riservati di Coca-Cola avevano rilevato che la multinazionale aveva messo in campo un’aggressiva campagna di lobbying per contrastare l’introduzione di tasse sullo zucchero, in cui, secondo Foodwatch, si inserirebbe la sponsorizzazione della presidenza europea. “Questioni che colpiscono la salute e la libertà di scelta di tutti i cittadini europei meritano l’attenzione imparziale dei politici. – dichiara Foodwatch – Il lobbismo sfacciato, le sponsorizzazioni e l’influenza dell’industria alimentare devono fermarsi!”

coca-cola presidenza ue poltrone pubblicita bottiglie bevande
Gadget, bibite e pubblicità di Coca-Cola durante un evento ufficiale della presidenza dell’Unione europea

Per chiedere di fermare la partnership tra Coca-Cola e la Presidenza del Consiglio Ue, clicca qui.

Fonte immagini: Foodwatch, Stefan Leifert (Twitter @Stefan Leifert)

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Giulia Crepaldi

Giulia Crepaldi

Guarda qui

spot prolon dieta mima digiuno kit

Dieta mima digiuno, censurata la pubblicità del kit ProLon inventato da Valter Longo. Per lo Iap ci sono frasi ingannevoli

L’Istituto di autodisciplina pubblicitaria ha censurato gli spot televisivi dei prodotti ProLon, i kit alimentari …