Home / Benessere animale / Foie gras: il Parlamento Europeo cambia parere e ritiene il prodotto rispettoso del benessere animale

Foie gras: il Parlamento Europeo cambia parere e ritiene il prodotto rispettoso del benessere animale

foie grasSebbene la produzione del foie gras sia illegale in 22 Paesi, compresa l’Italia, il 15 febbraio 2022 il Parlamento europeo ha approvato la relazione sul benessere degli animali in cui dice che la produzione è basata su procedure di allevamento rispettosa dei criteri di benessere animale. Si tratta di una posizione in contrasto con l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO) secondo cui l’alimentazione forzata, solleva “seri problemi sul benessere  degli animali”. Tutto ciò è successo nonostante la nuova inchiesta del gruppo animalista L214, in cui si dimostra che le tesi dei sostenitori del foie gras sono anti scientifiche e che l’alimentazione forzata viola il benessere animale.

Il report realizzato dall’organizzazione francese documenta una realtà sconcertante all’interno degli allevamenti del Sud-Est della Francia, zona in cui la produzione è riconosciuta con il marchio IGP. Le immagini mostrano anatre schiacciate all’interno delle gabbie, dove l’alimentazione forzata viene fatta con una pompa pneumatica causando loro diarrea e aumento della mortalità. Il voto a favore del foie gras rappresenta un cambio di idea per i deputati europei, che quasi un anno prima nel rapporto “End the Cage Age”, avevano chiesto il divieto totale dell’alimentazione forzata. Non bisogna però meravigliarsi di questo cambiamento. Paesi come Bulgaria, Francia, Spagna, Ungheria, Belgio hanno una deroga speciale alla legislazione per i legami tradizionali del prodotto considerato un patrimonio regionale.

foie gras, allevamento
Nel testo approvato si legge che la pratica dell’alimentazione forzata è rispettosa dei parametri biologici degli animali

Nel testo approvato si legge che la pratica dell’alimentazione forzata è rispettosa dei “parametri biologici degli animali” e dei “criteri di benessere, poiché si tratta di una produzione estensiva che si si svolge in aziende a conduzione familiare, dove i volatili trascorrono il 90% della loro vita all’aria aperta e dove la fase d’ingrasso, dura in media da 10 a 12 giorni con due pasti al giorno”. Non c’è quindi da meravigliarsi se il foie gras venga commercializzato anche nei paesi dove è vietata la produzione. Il Regno Unito, dove il divieto è entrato in vigore nel 2006, ne importa ancora 200 tonnellate ogni anno. In Italia la produzione è vietata dal 2007 e anche numerose catene di supermercati hanno scelto di non venderlo più. Ciononostante l’importazione e la commercializzazione sono tuttora possibili.

Il Parlamento ha fallito completamente il suo obiettivo, dedicando gran parte del testo agli interessi economici degli allevatori piuttosto che al benessere degli animali, la relazione contraddice anche le precedenti posizioni del Parlamento”. Così ha commentato Olga Kikou, responsabile di Compassion in World Farming EU, un’associazione che chiede di migliorare il trattamento degli animali nel settore agricolo.

Secondo il sito Euractiv “il cambio di posizione è semplicemente una testimonianza del fatto che gli eurodeputati accettano una posizione più pragmatica sulla questione. Il Parlamento non ha preso una posizione positiva o negativa, ma realistica che riflette la realtà della produzione”. Christophe Barrailh, presidente di Euro Foie Gras, ha dichiarato a Euractiv che il settore soffre di una “mancanza di conoscenza e comprensione” per cui ci sono ancora “concezioni errate e pregiudizi”Gli uccelli migratori immagazzinano naturalmente grasso nel fegato prima di fare un lungo viaggio, quindi l’ingrasso di oche e anatre per la produzione di foie gras è una “mera riproduzione di questa attitudine fisiologica naturale, non patologica e totalmente reversibile”.

© Riproduzione riservata Foto: istock.com, Animal Equality

Il Fatto Alimentare da 12 anni pubblica notizie su: prodotti, etichette, pubblicità ingannevoli, sicurezza alimentare... e dà ai lettori l'accesso completamente gratuito a tutti i contenuti. Sul sito non accettiamo pubblicità mascherate da articoli e selezioniamo le aziende inserzioniste. Per andare avanti con questa politica di trasparenza e mantenere la nostra indipendenza sostieni il sito. Dona ora!

Roberto La Pira

 

 

  Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

metano, bovini al pascolo

Macellazione senza stordimento preventivo, l’Europa dice no. Serve un compromesso con i religiosi

L’ordinamento giuridico europeo sulle regole del benessere animale al macello è disciplinato dal Regolamento (CE) 1099/2009. …

9 Commenti

  1. Trovo altamente “imbarazzante” che gli eurodeputati abbiano definito l alimentazione forzata verso anatre e oche come un prodotto rispettoso del benessere animale. Tutto ciò che procura stress (gabbie, alimentazione forzata per l’ingrasso)e fonte di un abbassamento del loro sistema di difese naturali. Gli animali si ammaleranno più facilmente e più facilmente avranno bisogno di cure, sempre se gli allevatori saranno magnanimi nel fornirgliele.Il benessere animale implica la libertà, un alimentazione regolare e spazi verdi dove poter correre per svolgere le loro funzioni vitali. Questo è benessere animale .

  2. Questo dimostra semplicemente quanto la Francia abbia potere sul Parlamento Europeo.

    Il foie gras non è altro che il risultato di una malattia, indotta appunto con una alimentazione forzate, che si chiama “steatosi epatica” comunemente detta “fegato grasso”. E’ una patologia che può colpire anche l’uomo.

    Quindi qulcuno del Parlamento Europeo mi deve spiegare come l’indurre una patologia ad un animale sia rispettosa del suo benessere.

  3. Come puo’ un “fegato grasso”o ingrassato da un alimentazione forzata ad essere considerato rispettoso del benessere animale ?
    Il guaio pero’ e’ che il foie gras non e’ rispettoso neanche per la salute umana,e quindi si suppone neanche per il fegato di coloro che lo mangiano.
    Siamo e diventeremo cio’ che mangiamo ,il nostro corpo non e’ un” immondizia vivente” e va rispettato ,cosi’ come va rispettato il benessere animale.

  4. Visto il voltafaccia dei parlamentari europei – sulla cui utilità sarebbe bene aprire un dibattito serio – un’alternativa potrebbe essere il divieto di importazione di tale prodotto.
    Ma siccome il divieto d’importazione immagino sia vietato, allora l’ultima parola, come sempre, spetta ai consumatori.

  5. Sabrina Favero

    Vorrei cosi tanto che solo per un giorno dico solo per un giorno gli esseri umani fossero sottoposti a tutto ciò che loro fanno agli animali tutti!

  6. Basta non acquistare il prodotto. Boicottare i produttori e ricordarsi dei parlamentari che hanno cambiato opinione sulla questione alle prossime votazioni europee boicottandoli.

  7. la soluzione è semplice, basta non comprarlo se hanno deciso così. Indecente

  8. Hanno ragione tutti i commentatori , la risoluzione e’ indecente . E , se permettete , anche i consumatori consapevoli sono colpevoli . Gente che mette la propria pancia al di sopra di ogni valore.

    • Le aziende hanno potere sui politici, noi abbiamo potere sulle aziende. Basta non dargli i nostri soldi e chiudono nel giro di un anno o poco più. Basta non credere a tutto quello che viene mostrato nelle pubblicità e sapere abbandonare le varie tradizioni che ogni popolo ha. In un mondo giusto il lavoro ci sarà per tutti