Home / Supermercato / Sigma toglie il foie gras dagli scaffali dei 200 punti vendita. Si aggiunge a Coop, Conad, Esselunga e tante altre catene di supermercati

Sigma toglie il foie gras dagli scaffali dei 200 punti vendita. Si aggiunge a Coop, Conad, Esselunga e tante altre catene di supermercati

foie grasIl gruppo Realco Sigma, con i suoi 200 punti vendita, dice addio al foie gras e si aggiunge alla lunga lista di catene di supermercati e discount che non venderanno più il fegato grasso di anatra e oca: Bennet, Conad, Coop, Crai, Eataly, Esselunga, Lidl, MD/LD Market, Pam Panorama e il Gruppo Selex. La decisione è frutto della campagna Stop Fois Gras lanciata nel 2015 dall’associazione animalista Essere Animali al grido di #ViaDagliScaffali.

Il foie gras continua a essere un prodotto controverso a causa del metodo di produzione, che è considerato da molti crudeltà contro gli animali. Per produrre il foie gras si ricorre infatti al gavage, cioè all’alimentazione forzata di anatre e oche tramite un tubo infilato in gola. In questo modo si favorisce l’accumulo di grassi nel fegato, fino a provocare uno stato di steatosi epatica negli animali.

In Italia e in molti Paesi europei la produzione di foie gras è vietata, ma il commercio resta legale, anche se la crescente attenzione per il benessere animale lo rende un prodotto sempre meno apprezzato dai consumatori. In Francia, per la produzione di fegato grasso vengono utilizzati 44 milioni di animali l’anno. Il 90% del foie gras viene prodotto in Europa: Francia (72,3%), Bulgaria, Ungheria, Spagna e Belgio. Il restante 10% viene prodotto in Cina, Usa e Canada. I maggiori consumatori sono Francia, Belgio, Giappone, Svizzera, Hong Kong e Israele.

Aggiornamento del 13 dicembre 2018: anche la catena di supermercati Tigros ha annunciato il suo impegno a eliminare dagli scaffali il fois gras. Lo ha annunciato l’associazione animalista Essere Animali. Con l’adesione dei 63 punti vendita Tigros, sono oltre 10 mila i supermercati. In Italia, il fegato grasso d’oca resta ancora in vendita, per esempio nelle catene francesi Auchan e Carrefour.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

  Giulia Crepaldi

Giulia Crepaldi

Guarda qui

Torino: come risparmiare 1.100 euro al supermercato. Nella classifica di Altroconsumo il più conveniente è Mercatò

Se a Milano la convenienza è soprattutto a firma Esselunga, a Torino, sempre secondo l’annuale …

2 Commenti

  1. Avatar

    Anch’io ho firmato la petizione affinchè si ponesse fine a questa barbarie.