Home / Nutrizione / Filtri per il rubinetto: secondo il test di Altroconsumo migliorano il sapore dell’acqua neutralizzando il cloro

Filtri per il rubinetto: secondo il test di Altroconsumo migliorano il sapore dell’acqua neutralizzando il cloro

Uomo riempie un bicchiere con l'acqua del rubinetto in cucinaLa rivista Altroconsumo di fronte alle pubblicità sempre più aggressive dei filtri da applicare ai rubinetti di casa ha voluto capire come funzionano e se effettivamente trattengono le impurità. La prima difficoltà è stata scegliere i modelli da esaminare perché sul mercato ne esistono diversi e i prezzi oscillano da 30 a 70 euro. I filtri sono apparecchi compatti che si avvitano direttamente al rubinetto e contengono all’interno una cartuccia filtrante all’interno della quale scorre l’acqua.

A differenza delle caraffe e dei sistemi a osmosi inversa, la filtrazione è immediata in tutti e i modelli c’è la possibilità di agire su una levetta per attivare o disattivare il meccanismo di filtrazione. La cartuccia ha una durata media di tre mesi, al termine dei quali è necessario sostituirla con una nuova. Per quanto riguarda i costi da sostenere, oltre al prezzo di acquisto degli apparecchi, la rivista ha considerato il costo delle cartucce necessarie a trattare l’acqua per un anno (in aggiunta a quelle già incluse nella confezione) e i costi dell’acqua potabile. Durante il primo anno per comprare e gestire la manutenzione di un filtro bisogna prevedere a seconda del modello una spesa variabile dai 50 ai 169 €. Facendo un confronto con altri sistemi emerge subito la convenienza delle caraffe 91 € circa contro i 102 dei filtri per il rubinetto e i 136 € per l’acqua in bottiglia.

filtri rubinetto
Dopo trenta giorni, sono stati raccolti e portati in laboratorio campioni di acqua filtrata e non filtrata, per valutare diversi parametri

Non essendoci un protocollo ufficiale per verificare l’efficacia dei sistemi, Altroconsumo ha installato due filtri dello stesso produttore  nelle case di alcuni volontari che hanno utilizzato i rubinetti seguendo le normali abitudini. Dopo trenta giorni, sono stati raccolti e portati in laboratorio campioni di acqua filtrata e non filtrata, per valutare diversi parametri (durezza, presenza di cloruri, contaminanti e sottoprodotti della disinfezione, calcolo del residuo fisso, conducibilità, nitrati e carica batterica totale). I primi tre parametri riguardano l’azione dei filtri sul sapore dell’acqua. Si tratta di un aspetto importante, visto che tutti i produttori dichiarano l’efficacia dei loro apparecchi per migliorare il sapore. Per agire sul sapore, questi filtri devono rimuovere il cloro che, pur non essendo piacevole al gusto, è la sostanza aggiunta all’acqua di rete in quantità più o meno abbondante da tutti i comuni per  mantenere l’acqua salubre lungo gli impianti.

Questo è un aspetto interessante soprattuto in certe località dove la presenza di cloro penalizza fortemente il sapore dell’acqua di rete. A parte questo aspetto i filtri non sembrano agire sulle altre componenti e sulla quantità di sali minerali anche se diversi volontari hanno giudicato l’acqua più ‘leggera’ e ‘limpida’. Possiamo dire alla fine che la composizione dell’acqua del rubinetto non viene alterata nella composizione chimica, perché i filtri non agiscono su nitrati,  sulla durezza e sul residuo fisso ma solo sul sapore. Anche dal punto di vista microbiologico Altroconsumo non ha riscontrato una vera e propria crescita batterica.

caraffa filtrante
Se l’idea è quella di comprare un filtro da rubinetto per abbandonare l’acqua in bottiglia allora è meglio scegliere una caraffa filtrante

Se l’idea è quella di comprare un filtro da rubinetto per abbandonare l’acqua in bottiglia o semplicemente per migliorare il sapore dell’acqua, allora meglio scegliere una caraffa filtrante. Oltre a migliorare il gusto, agisce abbastanza bene anche su alcuni parametri come durezza e nitrati. Inoltre, sulla base dei test fatti in laboratorio, riteniamo che sia la scelta migliore anche da un punto di vista microbiologico e, nel lungo periodo, anche la più economica.

I cinque modelli presi in esame a Altroconsumo:

  • Aquasan Aqua compact Filtro ecologico
    per acqua potabile   (29 – 36 €)
  • Brita On Tap  (50 – 70 €)
  • Laica RK10A Genova con Filtro Hydrosmart  (40 – 45 €)
  • H2O Taps – Filtri per l’acqua di rubinetto  (50 €)
  • Tapp Water TAPP 1.  (32 – 40 €)

© Riproduzione riservata – Foto: Depositphotos, AdobeStock, Fotolia

Da 12 anni Ilfattoalimentare.it racconta cosa succede nel mondo dei supermercati, quali sono le insidie nelle etichette, pubblica le sentenze sulle pubblicità ingannevoli oltre che segnalare il lavoro delle lobby che operano contro gli interessi dei consumatori.

In questi anni ci hanno sostenuto decine di aziende grandi e piccole con i loro banner e moltissimi lettori con le donazioni.

Tutto ciò ha reso possibile la sopravvivenza di un sito indipendente senza un editore, senza conflitti di interesse e senza contributi pubblici.

Il Fatto Alimentare dà l'accesso gratuito a tutti gli articoli e ai dossier. Questo è possibile grazie alle migliaia di lettori che ogni giorno ci leggono e ci permettono di sfiorare 20 milioni di visualizzazioni l'anno, senza farcire gli articoli con pubblicità invasive.

Sostieni ilfattoalimentare ci vuole solo un minuto clicca qui. Se vuoi puoi anche sostenerci con un versamento mensile.

Roberto La Pira

  Roberto La Pira

Giornalista professionista, laurea in Scienze delle preparazioni alimentari

Guarda qui

Alimenti della dieta mediterranea su un tavolo

La Dieta mediterranea diventa “Planeterranea”. Il progetto dell’Università di Napoli

La Dieta mediterranea è stata dichiarata Patrimonio culturale immateriale dell’umanità dell’Unesco il 16 novembre 2010 …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *