;
Home / Recensioni & Eventi / Riapre Fico a Bologna: il “parco da gustare” ritorna dopo un anno di pandemia

Riapre Fico a Bologna: il “parco da gustare” ritorna dopo un anno di pandemia

Fico si trasforma e prova a ripartire. La “Disneyland del cibo” di Oscar Farinetti, patron di Eataly, si prepara a riaprire le porte ai visitatori il 22 luglio dopo un anno di pandemia. Ma non prima di inaugurare il nuovo “parco da gustare” con una festa che si terrà il prossimo 7 luglio. Fico sorge nell’ex mercato ortofrutticolo di Bologna e occupa una superficie di circa 15 ettari, divisi in sette aree tematiche dedicate ai prodotti tipici italiani, con ristoranti e bar, giostre e attrazioni, e persino un minigolf, campi da beach volley e basket. Il restyling del parco, inaugurato nel 2017 è stato finanziato dai soci Eataly e Coop Alleanza 3.0, con il supporto del Fondo PAI-Parchi agroalimentari italiani, proprietario dell’area su cui sorge, e ha un nuovo amministratore delegato, Stefano Cigarini.

Ora i visitatori troveranno, oltre a una trentina di ristoranti e bar, 13 laboratori e fabbriche in cui potranno assistere alla produzione di alimenti tipici della tradizione italiana: dalla mortadella al gelato artigianale, passando per gli immancabili Grana Padano e Parmigiano Reggiano. Alcune attrazioni si trovano all’esterno della struttura: qui i visitatori troveranno uliveti, frutteti, tartufaie e una fattoria, dove incontrare mucche, capre, oche e altri animali. C’è anche il Luna Farm, un luna park tematico di 6.500 metri quadri con giostre e giochi per le famiglie.

Ma il più grande cambiamento è un altro: per la prima volta dopo quattro anni dall’inaugurazione l’ingresso sarà a pagamento. Il biglietto costa 10 euro, con tour guidato incluso, che diventano 12 euro per avere anche l’accesso al Luna Farm. Il parco apre il 22 luglio, da giovedì a domenica dalle 11.00 alle 22.00, ad eccezione del sabato quando chiude alle 24:00.

© Riproduzione riservata. Foto: Roberto La Pira

Il Fatto Alimentare da 11 anni pubblica notizie su: prodotti, etichette, pubblicità ingannevoli, sicurezza alimentare... e dà ai lettori l'accesso completamente gratuito a tutti i contenuti. Sul sito non accettiamo pubblicità mascherate da articoli e selezioniamo le aziende inserzioniste. Per andare avanti con questa politica di trasparenza e mantenere la nostra indipendenza sostieni il sito. Dona ora!

Roberto La Pira

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Storia della pasta in dieci piatti: dai tortellini alla carbonara. Il libro di Luca Cesari

Qual è il primo piatto che meglio di altri rappresenta nei secoli la cucina italiana? …

2 Commenti

  1. Avatar

    per andare al ristorante devo pagare 10€? Spero di no per loro.

  2. Avatar

    12 mesi e richiude