Home / Controlli e Frodi / Falso olio biologico: la vicenda risale al mese di novembre 2013. Le bottiglie non sono in vendita da 8 mesi e la frode riguardava l’origine

Falso olio biologico: la vicenda risale al mese di novembre 2013. Le bottiglie non sono in vendita da 8 mesi e la frode riguardava l’origine

falso olio biologico
La Guardia di Finanza di Andria ha indagato su una trentina di persone per sospetta frode sull’olio biologico

Acquistavano olio d’oliva dalla Spagna e, attraverso un giro di fatturazioni false, lo etichettavano e vendevano come olio extravergine di oliva italiano o addirittura biologico made in Italy. Come se non bastasse, nel caso dell’olio venduto “solo” come italiano, sembra che la miscela fosse integrata anche con oli ricavati da residui di frittura. Questa commercializzazione fraudolenta ha portato la Guardia di Finanza di Andria a indagare su una trentina di persone – a carico di 16 delle quali sono state disposte misure cautelari – e al sequestro di 16 aziende tra la Puglia e la Calabria.

 

In sostanza sono state smantellate tre distinte associazioni per delinquere che gestivano complessivamente un giro d’affari illecito stimato in 30 milioni di euro. Sotto accusa imprenditori pugliesi che, con la presunta complicità di indagati calabresi, avrebbero trasformato olio di oliva comunitario in “olio 100% italiano” o “biologico”. Ad alcune aziende sarebbe stato affidato il compito di fornire false fatture attestanti fittizi approvvigionamenti di olio extravergine di oliva prodotto in Italia per legittimare ingenti acquisti di olio proveniente, in realtà, dalla Spagna.

 

olio_186238439
La notizia uscita ieri non è una novita ma un aggiornamento di una vicenda già pubblicato nel febbraio/marzo del 2013:

La notizia uscita ieri non è una novità, ma un aggiornamento di una vicenda già trattata dalla stampa nel febbraio/marzo del 2013 (identico il presunto reato, i meccanismi, i presunti colpevoli e le quantità di olio oggetto di indagine). È doveroso precisare che le organizzazioni del biologico hanno   escluso dal sistema di controllo gli operatori coinvolti  nel periodo compreso tra il mese di settembre e dell’anno scorso.  Ferma restando la serietà del caso,  queste aziende da allora non hanno potuto commercializzare olio con riferimento al metodo biologico.

 

La stessa AssoBio, l’associazione delle imprese di trasformazione e distribuzione di prodotti biologici, aveva lanciato un’allerta ai suoi associati nel febbraio del 2013, segnalando la presenza sul mercato di 400 tonnellate di olio extravergine d’oliva qualificato come “Made in Italy”, ma di sospetta provenienza estera. Nel comunicato si ricordava che le partite di olio erano state sequestrate in Puglia e Calabria dalla Guardia di finanza su disposizione della Procura della Repubblica di Trani. La nota proseguiva con l’avviso su una partita da 60 tonnellate che era stata poi dissequestrata dagli inquirenti, risultando regolare alle analisi. Nella fase istruttoria si ipotizzavano dubbi sull’origine territoriale  (in sostanza, olio biologico spagnolo potrebbe essere stato spacciato per olio biologico italiano) non  vi erano invece contestazione sulla natura biologica.

 

olio
L’azienda biologica alla quale era stato sequestrato e poi dissequestrato l’olio, si diceva perplessa, dato che il panel ufficiale di assaggio aveva ritenuto la partita in regola

AssoBio riferiva che l’azienda alla quale era stato sequestrato e poi dissequestrato l’olio,  si diceva comunque perplessa, dato che il panel ufficiale di assaggio aveva ritenuto la partita  avere le caratteristiche di olio italiano, in particolare di una data varietà di olive.

Prima di accettare la partita, l’azienda aveva sottoposto il prodotto ad analisi chimica, senza individuare alcun residuo dei fitofarmaci di uso abituale sull’olivo. Il lotto  era stato quindi accettato, ma mantenuto separato in una cisterna sigillata in attesa del certificato di transazione rilasciato dall’organismo di controllo.

Il tutto fa sospettare che le aziende fornitrici non trattassero solo olio di produzione spagnola (biologico o meno), ma anche olio biologico di produzione italiana e quindi la presenza del lotto  risultava leggitima. La cosa importante è che le imprese biologiche sono stato prontamente allertate, ricevendo l’indicazione di acquistare olio solo dopo aver ottenuto dall’organismo di controllo dei fornitori la conferma della legittimità di ogni partita.

 

analisi olio
Dall’epoca dei fatti FederBio ha avviato il progetto per la tracciabilità informatica delle transazioni dell’olio d’oliva

Dall’epoca dei fatti FederBio, la federazione interprofessionale del settore, in collaborazione con Accredia, l’ente unico di accreditamento, ha avviato il progetto per la tracciabilità informatica delle transazioni che riguarda anche la filiera dell’olio d’oliva e sul quale è stata chiesta anche la collaborazione da parte dell’Ispettorato repressione frodi e del Ministero politiche agricole.

 

In attesa degli  ulteriori sviluppi  giudiziari, è importante ricordare che dal novembre 2013 non sono state effettuate vendite con la qualifica di olio  biologico della partita sospetta. Le aziende che avevano acquistato olio dagli  operatori indagati hanno infatti provveduto a declassificarlo e a venderlo senza riferimenti al metodo di produzione biologico, e quindi risultano parte lesa e non complici.

Sara Rossi

© Riproduzione riservata

Foto: iStockphoto.com

sostieniProva2

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal): clicca qui

Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264  indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Virgin olive oil in a crystal bottle on wooden background.Copyspace

Francia. il 50% dell’olio di oliva in vendita sugli scaffali non è in regola. I risultati del piano di controllo del governo

La direzione generale per la repressione delle frodi del governo francese ha pubblicato i risultati …

7 Commenti

  1. Può darsi che una maggiore presenza femminile migliori la “qualità” intrinseca del CSS, anche se ho qualche dubbio su questo magico automatismo.
    Rimane la questione che il CSS è (come sempre) un organo a prevalenza universitaria, che forse rappresenta meglio gli aspetti scientifici dell’assistenza sanitaria, ma che sicuramente ignora gran parte delle problematiche pratiche di chi in sanità lavora sul campo, negli ospedali, specie se piccoli e periferici e sul territorio, magari assistendo migranti e persone disagiate

  2. il commento era ovviamente rivolto alla composizione del nuovo CSS – Errore mio o bug del sistema ? 🙂

  3. Aldegheri Giuseppe

    Le notizie date così sono solo destabilizzanti. Capisco che ci sono aspetti giudiziari, ma se non si conoscono i nomi delle ditte sequestrate (è pur sempre un atto giudiziario basato su dati di fatto) e magari quelli commerciali dei loro prodotti, come si fà ad acquistare? Se si può dire che è stato sequestrato, che so, lo stabilimento ILVA di Taranto, perchè non lo si può fare con l’oleificio XXX di YYY che mette in commercio l’olio ZZZ dichiarato biologico 100% italiano che non lo è? Forse perchè il primo inquina e l’altro invece no? Mica tutti possono andare in giro per frantoi artigianali a fare spesa per essere sicuri e magari a prendere una fregatura economicamente più grossa.

    • Roberto La Pira

      Si tratta di scelte delle autorità sanitarie o delle autorità adibite ai controlli che è lecito non condividere. Noi quando li conosciamo pubblichiamo i nomi delle aziende .

  4. Amaducci Giovanni

    Come al solito le notizie per i consumatori sono sempre vaghe sarebbe ora che pubblicassero i nomi di queste ditte che pur di fare soldi non ci pensano molto per imbrogliare il consumatore sia come qualità che in fatto di salute.
    Giovanni

  5. Vorrei far notare che quanto accade nella filiera del biologico emerge e faccia notizia come l’uomo che morde il cane.
    Mentre continuo a chiedermi cosa avviente nel convenzionale, non controllato da organismi che hanno tutto l’interesse a far emergere le truffe piuttosto che coprirle, per gli evidenti danni devastanti che provocano.
    Forse perché essendo quasi sempre e tutti morsi dal cane del generale tornaconto, dobbiamo solo leccarci le ferite, senza sapere cosa mangiamo.
    Quanto olio VERO di oliva, vergine, extravergine ed immacolato c’è in commercio?