Home / Recensioni & Eventi / Fa’ la cosa giusta torna in presenza, al via una diciottesima edizione all’insegna della gentilezza

Fa’ la cosa giusta torna in presenza, al via una diciottesima edizione all’insegna della gentilezza

Dopo due anni, torna in presenza la storica fiera nazionale del consumo critico e degli stili di vita sostenibili: Fa’ la cosa giusta!. La 18a edizione si svolgerà dal 29 aprile al primo maggio, “tre giorni per costruire insieme il futuro che vogliamo” nell’area milanese di Fieramilanocity. Nato nel 2004 da un progetto della casa editrice Terre di mezzo, l’evento ha l’obiettivo di far conoscere e di diffondere sul territorio nazionale le buone pratiche di consumo e produzione e di valorizzare le specificità e le eccellenze, in rete e in sinergia con il tessuto istituzionale, associativo e imprenditoriale locale. Il filo rosso dell’edizione 2022 sarà il tema della gentilezza, dell’importanza di prendersi ‘cura’ dell’altro e del pianeta.

I temi principali che verranno affrontati sono quelli dell’economia rigenerativa, dei cambiamenti climatici, dell’inclusione, della salute e del benessere, il tutto raccontato attraverso mostre, installazioni, opere d’arte partecipate e docufilm. Una particolare attenzione sarà inoltre riservata all’attualità, con un focus sulla pace e l’accoglienza e approfondimenti sulla situazione economica, geopolitica e sul fenomeno migratorio. Come da tradizione, la fiera ospiterà una vasta sezione dedicata all’alimentazione sostenibile, con attività e degustazioni per coloro che vorranno conoscere materie prime alternative, scoprire le innovazioni e il cibo del futuro, imparare a leggere le etichette e a ridurre gli scarti.

fa la cosa giusta 2019
Alla prossima edizione di Fa’ la cosa giusta non mancheranno degustazioni, laboratori, incontri e proiezioni per raccontare i nuovi stili alimentari sostenibili

Tra gli incontri proposti, spicca Fame di futuro. Quest’iniziativa, che si svolgerà sabato 30 dalle 11 alle 12, sarà l’occasione di esplorare le ultime frontiere del progresso scientifico in campo alimentare, portando maggiore chiarezza sulle differenze tra carne di origine vegetale e carne coltivata, indagando sul potenziale di alimenti a base di insetti e meduse, sui vantaggi delle vertical farm. Inoltre, per chi vorrà accostarsi alla cucina e all’alimentazione vegana e vegetale, sarà possibile ascoltare racconti e partecipare adegustazioni su molti temi, dalla scoperta degli stagionati a base di mandorla come alternativa ai formaggi alla ‘carne’ derivata dalle piante.

Un ampio spazio sarà inoltre dedicato alle soluzioni antispreco, con un laboratorio ad hoc dedicato all’Etichetta consapevole, sempre sabato 30 aprile, ma dalle 12 alle 13. Non mancheranno poi una degustazione guidata di mieli con un racconto sulle api e un incontro sull’Agroecologia e le iniziative europee, dal Green Deal alla Pac, venerdì 29 alle 15. Presenti anche gli espositori delle aziende agricole della sezione Mangia come parli, i birrifici artigianali e una vasta sezione street food per le pause dei visitatori. L’ingresso è gratuito, con registrazione online obbligatoria su falacosagiusta.org.

© Riproduzione riservata; Foto: credit Alessia Gatta

Il Fatto Alimentare da 12 anni pubblica notizie su: prodotti, etichette, pubblicità ingannevoli, sicurezza alimentare... e dà ai lettori l'accesso completamente gratuito a tutti i contenuti. Sul sito non accettiamo pubblicità mascherate da articoli e selezioniamo le aziende inserzioniste. Per andare avanti con questa politica di trasparenza e mantenere la nostra indipendenza sostieni il sito. Dona ora!

Roberto La Pira

  Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Anche Il cucchiaio d’argento può essere vegetariano e lo fa alla sua maniera: da ‘Goloso’

Anche un marchio storico e ‘blasonato’ della cucina come Il cucchiaio d’argento non può restare …