Home / Etichette & Prodotti / Etichette a semaforo: in Europa PepsiCo adotterà il modello britannico. La decisione dopo il fallimento del progetto delle multinazionali

Etichette a semaforo: in Europa PepsiCo adotterà il modello britannico. La decisione dopo il fallimento del progetto delle multinazionali

traffic light etichette FSAContinua la saga delle etichette a semaforo da parte delle multinazionali. Dopo lo stop arrivato solo pochi giorni fa al progetto di etichettatura nutrizionale semplificata (Evolved Nutrition Label) condiviso con Coca-Cola, Nestlè, Mondelez e Unilever, PepsiCo ha annunciato l’intenzione di iniziare una sperimentazione con il modello a semaforo britannico riproposto sui prodotti venduti in Europa. I semafori cominceranno a comparire sulle etichette dei prodotti distribuiti in alcuni Paesi europei già nei primi mesi del 2019. In Italia, potrebbero essere interessate, per esempio, le bibite Pepsi e 7up, le patatine Lay’s e i cereali Quaker.

Abbiamo deciso di espandere l’uso di uno schema che è già ben accolto nel Regno Unito e in Irlanda – dichiara Silviu Popovici, il presidente regionale di PepsiCo in Europa – basato sul codice colore sui valori dei nutrienti per 100 grammi/ml invece che per porzione.  Noi crediamo che questo schema aiuterà i consumatori in altri mercati europei a decifrare le informazioni nutrizionali facilmente e in maniera esauriente”.

Secondo PepsiCo, il modello britannico a semaforo, che assegna un colore ai nutrienti da limitare nella dieta come grassi, grassi saturi, zuccheri e sale, “può aiutare i consumatori a fare le scelte giuste, basandosi sulle proprie particolari necessità”. Al contrario, il Nutri-Score francese è considerato dalla multinazionale “troppo semplicistico”.

Il progetto delle etichette nutrizionali lanciato dalle multinazionali Coca-Cola, Nestlè, Mondelez, Unilever, Pepsi e originariamente anche Mars, poi bloccato in un secondo momento, era  ispirato al modello britannico, ma basato sulle porzioni di consumo. È stata proprio la mancanza di una definizione condivisa delle dimensioni delle porzioni a fermare la Evolved Nutrition Label, che era stata pesantemente criticata da esperti e associazioni dei consumatori: usando le porzioni di consumo i bollini rossi sparivano anche dalle etichette di prodotti come la Nutella.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Giulia Crepaldi

Giulia Crepaldi

Guarda qui

Two pretty female sisters go shopping together, stands in grocer`s shop, select fresh milk in paper container, read label, carry rucksacks, have serious expressions. People and commerce concept

L’assurda proposta italiana dell’origine di tutti gli ingredienti obbligatoria in etichetta bocciata da Bruxelles

L’origine di tutti gli ingredienti in etichetta? Non si può fare. Come era stato ampiamente …

2 Commenti

  1. Sicuramente è una buona idea 🙂 Un passetto un più verso il consumatore

  2. Una scelta logica e corretta nelle varie possibilità che condivido fin dal principio, nei confronti e diatribe tra diversi sistemi attenzionali, perché educa il consumatore richiamando in modo evidente e selettivo i contenuti nutrizionali dei prodotti in vendita.
    Non dimentichiamo anche l’importanza di escludere gli alimenti mono ingrediente dall’indicazione semaforica, perché l’olio, il burro, lo zucchero, il sale, il cacao, ecc.. sono ingredienti primari e non preparazioni alimentari.
    Cosa diversa è per trasformazioni di un mono ingrediente come il latte nei latticini di diverse qualità, i succhi di frutta più o meno additivati, le birre anche analcoliche, i diversi tipi di pane, ecc..