Home / Lettere / Sull’uovo di Pasqua è proprio necessario scrivere l’origine del cacao? Rispondono l’azienda e Dario Dongo

Sull’uovo di Pasqua è proprio necessario scrivere l’origine del cacao? Rispondono l’azienda e Dario Dongo

Cute little girl with sweet chocolate egg at homeUn lettore ci scrive per sapere se “il fatto di segnalare sull’etichetta delle Uova di Pasqua ‘Cacao non UE’ sia una forma eccessiva di informazione o se  segue qualche regola CE?

L’azienda produttrice La Suissa, da noi interpellata, precisa che il regolamento europeo 775 del 2018 prevede che sulle confezioni, dove è evidenziato il paese di origine o di produzione, sia  indicata anche l’origine dell’ingrediente primario, in questo caso il cacao, che viene coltivato in paesi non europei.

L’avvocato Dario Dongo esperto di diritto alimentare da noi interpellato conferma la tesi dell’azienda La Suissa ma fa una precisazione.
Il regolamento UE 2018/775 prescrive di indicare la diversa origine o provenienza dell’ingrediente primario – vale a dire quello che rappresenta il 50% o più della formula, ovvero quello che caratterizza l’alimento – qualora essa non coincida con il ‘Made in’ designato in etichetta e/o pubblicità. Se l’operatore vanta o suggerisce che il cioccolato è ‘Made in Italy’ (anche solo con un simbolo o un pittogramma, escluso solo quanto contenuto nel marchio), ma il cacao ha origine extra-UE, vige l’obbligo di indicare ciò nello stesso campo visivo e con pari visibilità.

Nell’occasione si segnala che l’indicazione ‘può contenere frutta a guscio’ risulta fuori norma, dovendosi invece indicare in modo specifico i singoli frutti a guscio che possono residuare nel prodotto anche a causa di contaminazione accidentale. Si veda questo articolo. Per approfondimenti si veda questo altro articolo. I lettori interessati a queste tematiche possono  iscriversi gratuitamente alla newsletter del sito dell’avvocato Dongo  GIFT (Great Italian Food Trade), a questo link.

© Riproduzione riservata Foto: AdobeStock

Il Fatto Alimentare da 12 anni pubblica notizie su: prodotti, etichette, pubblicità ingannevoli, sicurezza alimentare... e dà ai lettori l'accesso completamente gratuito a tutti i contenuti. Sul sito non accettiamo pubblicità mascherate da articoli e selezioniamo le aziende inserzioniste. Per andare avanti con questa politica di trasparenza e mantenere la nostra indipendenza sostieni il sito. Dona ora!

Roberto La Pira

  Dario Dongo

Avvocato, giornalista. Twitter: @ItalyFoodTrade

Guarda qui

Sugar-replacing tablets spoon on orange and red background

I dolcificanti allulosio e monk fruit sono autorizzati in Europa? Risponde Dario Dongo

Gentile redazione, sono la titolare di un e-commerce di alimenti senza zucchero e leggo la …

2 Commenti

  1. Io mi preoccuperei di più della sfilza di coloranti ( tra cui pure il biossido di titanio) presenti in quel cioccolato…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *