Home / Richiami e ritiri / Esselunga, ritiro precauzionale per tacos, burritos e mezzi rigatoni all’amatriciana: possibile presenza di frammenti di vetro nel peperoncino

Esselunga, ritiro precauzionale per tacos, burritos e mezzi rigatoni all’amatriciana: possibile presenza di frammenti di vetro nel peperoncino

esselunga tacos burritos mezzi rigatoniEsselunga ha reso noto, attraverso un comunicato stampa, di aver ritirato e richiamato in via precauzionale alcuni prodotti di gastronomia, a seguito degli autocontrolli che l’azienda effettua sui propri prodotti e nei propri stabilimenti di produzione. I prodotti interessati sono i seguenti:

  • Tacos, in confezioni da circa 240 grammi, preparati in data 8/10 e 9/10 con scadenza 13/10 e 14/10;
  • Burritos, in confezioni da circa 246 grammi,preparati in data 9/10 e con scadenza 14/10;
  • Mezzi rigatoni all’amatriciana, in confezioni da circa 360 grammi, preparati in data 9/10 e con scadenza 14/10.

Il ritiro, fa sapere Esselunga, è avvenuto in via cautelativa per la sospetta presenza di frammenti di vetro. Nel corso dei controlli è stata infatti riscontrata la rottura di una confezione di polvere di peperoncino impiegato in piccole quantità nei prodotti in questione.

I tacos, burritos e mezzi rigatoni richiamati sono stati prodotti da Esselunga Spa, nello stabilimento di via Giambologna 1, a Limito di Pioltello, nella città metropolitana di Milano (marchio di identificazione IT 1184 S CE).

Esselunga ha già informato le autorità competenti, mentre il servizio clienti sta contattando tutti i consumatori che hanno acquistato i prodotti, invitandoli a non consumarli e a riportarli in negozio per la sostituzione o il rimborso. Nei punti vendita sono stati esposti cartelli di richiamo per la clientela.

Dal 1° gennaio 2021, Il Fatto Alimentare ha segnalato 216 richiami, per un totale di 399 prodotti. Per vedere tutte le notifiche clicca qui.

© Riproduzione riservata Foto: Esselunga

Da 12 anni ilfattoalimentare racconta con i suoi articoli cosa succede nel mondo dei supermercati, quali sono le insidie nelle etichette, pubblica le sentenze sulle pubblicità ingannevoli oltre che segnalare il lavoro delle lobby che operano contro gli interessi dei consumatori.

In questi anni ci hanno sostenuto decine di aziende grandi e piccole con i loro banner e moltissimi lettori con le donazioni.
Tutto ciò ha reso possibile la sopravvivenza di un sito indipendente senza un editore, senza conflitti di interesse e senza contributi pubblici.

Il Fatto Alimentare dà l'accesso gratuito a tutti gli articoli e ai dossier. Questo perché in rete tutte le persone hanno il diritto ad avere un'informazione libera e di qualità, senza il vincolo di dovere pagare. Tutto ciò è possibile grazie alle migliaia di lettori che ogni giorno ci leggono e ci permettono di sfiorare 20 milioni di visualizzazioni l'anno, senza la necessità di farcire gli articoli con pubblicità invasive.

Sostieni ilfattoalimentare ci vuole solo un minuto clicca qui. Se vuoi puoi anche sostenerci con un versamento mensile.

Roberto La Pira

  Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Ciotola in legno piena di semi di chia con cucchiaio in legno, su superficie scura con semi di chia sparsi attorno

Semi di chia, ancora un richiamo precauzionale per possibile presenza di soia

Carrefour ha pubblicato il richiamo precauzionale di tre lotti di semi di chia a proprio …