Home / Nutrizione / L’epidemia di obesità? Negli USA vincono gli interessi delle lobby dello zucchero. Ne parla Adriano Cattaneo su Salute Internazionale

L’epidemia di obesità? Negli USA vincono gli interessi delle lobby dello zucchero. Ne parla Adriano Cattaneo su Salute Internazionale

Stout young woman sitting on the chairL’emergenza obesità può aspettare. Almeno di fronte agli interessi economici delle grandi multinazionali delle bevande zuccherate che impiegano ogni arma a loro disposizione per bloccare l’introduzione di tasse sullo zucchero. E la strategia sembra funzionare negli Stati Uniti, dove l’obesità ha raggiunto livelli epidemici. Nel parla l’epidemiologo Adriano Cattaneo, in un articolo su Salute Internazionale, di cui riproponiamo un estratto.

Negli USA, epicentro dell’epidemia di obesità, si fa di tutto per evitare la tassazione dei cibi e delle bevande che l’hanno innescata. Anche ricorrendo a una sorta di referendum preventivo, per impedire che a qualche sconsiderato amministratore pubblico possa venire in mente, ora o in futuro, questa balzana idea. Gli USA non sono l’unico Paese in cui la lobby dello zucchero e delle bibite zuccherate ha fatto e sta facendo pressione contro la sovrattassa di cui sopra. Anni fa anche in Italia era stata ventilata la proposta di una sovrattassa sulle bibite zuccherate, con immediata retromarcia dopo le minacce della lobby. Ci ha timidamente provato anche l’attuale governo nella stesura della legge di bilancio 2019, ma dopo le pressioni dei soliti noti, la proposta è stata ritirata…

Per continuare a leggere su Salute Internazionale clicca qui.

Adriano Cattaneo – epidemiologo

© Riproduzione riservata

Ogni giorno oltre 40mila persone ci seguono.
Siamo indipendenti e liberi da logiche politiche e aziendali. Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori che coprono il 20% delle spese

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

C’era una volta la cena: la campagna contro la malnutrizione infantile (in Italia)

Nel nostro Paese, oggi, quasi 1 milione e 300 mila minori vivono in condizioni di …