Home / Recensioni & Eventi / Oltre 1,6 milioni di firme per chiedere lo stop agli allevamenti in gabbia

Oltre 1,6 milioni di firme per chiedere lo stop agli allevamenti in gabbia

La petizione europea per la protezione degli animali negli allevamenti, End the Cage Age, lanciata da Compassion in World Farming (CIWF), si è chiusa ieri, 11 settembre, alle 23,59. La coalizione europea, composta da più di 170 organizzazioni e promossa anche da Il Fatto Alimentare, ha raccolto più di un milione e mezzo di firme nell’arco di un anno. L’iniziativa chiede la fine dell’uso delle gabbie in tutti gli allevamenti europei.

In Europa, i numeri parlano di oltre 300 milioni gli animali – suini, galline, conigli, oche, quaglie e vitelli – allevati in gabbia e spesso costretti a vivere in condizioni di sovraffollamento critico o in isolamento, in cui non possono muoversi liberamente. In Italia, oltre quasi 95.000 cittadini hanno firmato l’Iniziativa dei cittadini europei (Ice), ma il numero finale potrebbe crescere ulteriormente perché le firme cartacee sono ancora in fase di conteggio.

Le associazioni della coalizione italiana dichiarano: «Siamo orgogliosi di essere parte di questa grande vittoria ottenuta grazie a una vasta collaborazione. Solo poche iniziative europee hanno raggiunto il milione di firme. Esserci riusciti vuol dire che la Commissione europea non potrà ignorare quanto la protezione degli animali allevati a scopo alimentare sia importante per i cittadini».

Le prossime fasi prevedono che, entro 3 mesi dalla consegna delle firme, la Commissione adotti una risposta, in seguito l’iniziativa avrà un’audizione al Parlamento europeo, seguita da un possibile voto.

©Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Different water bottles for sports on color background

A scuola si combatte la plastica: borracce agli studenti in molti comuni italiani

In tutta Italia prende sempre più piede la distribuzione delle borracce nelle scuole. Ecco dunque …

6 Commenti

  1. Avatar

    petizione inutile e inefficace.
    I consumatori hanno in mano l’arma più potente che ci sia: la scelta. Usate quella non le petizioni

  2. Avatar
    fabrizio_caiofabricius

    Tutto molto bello e condivisibile. Permane il dubbio strisciante: si è disposti VERAMENTE (e finalmente) a pagare di più per un cibo di migliore qualità e per allevamenti meno intensivi ? Oppure è la solita storia dei buoni ( e furbi) da una parte e i cattivi zoticoni insensibili dall’altra che pretendono redditi (ORRORE!) come saggi intellettuali a stipendio sicuro?

  3. Avatar

    Ma la foto dei polli non è di polli in gabbia, bensì di polli “allevati a terra” o sbaglio? Quindi la petizione non risolverebbe il loro problema di sovraffollamento e quindi di gruppi formati da un numero tale di esemplari da non consentire lo sviluppo di normali gerarchie di beccata il che aumenta l’aggressività tra essi.

  4. Avatar

    Carne non ne mangio e uova solo biologiche !

  5. Avatar

    Il problema di queste azioni è che sono dirette non a migliorare le tecniche di allevamento, ma a spingere verso quella soluzione che di fatto costituisce l’ambita meta finale: il migliore allevamento è il non allevamento!