Home / Efsa / L’Efsa propone limiti più severi per la Salmonella nelle galline ovaiole. I casi di infezione negli esseri umani potrebbero essere dimezzati

L’Efsa propone limiti più severi per la Salmonella nelle galline ovaiole. I casi di infezione negli esseri umani potrebbero essere dimezzati

GALLINEL’Ue dovrebbe fissare limiti più severi per la presenza di Salmonella nella galline ovaiole, con l’obiettivo di dimezzare i casi di infezione di origine alimentare negli esseri umani. Lo sostiene l’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa) in un nuovo parere, in cui sottolinea come dopo diversi anni di calo dei casi di salmonellosi nell’Ue la tendenza si sia arrestata. Nel 2017 il loro numero è sceso leggermente da 94.425 a 91.662 casi, ma negli ultimi anni la tendenza al ribasso iniziata nel 2008 si è fermata e secondo il direttore scientifico dell’Efsa, Marta Hugas, “occorrono rinnovati sforzi per continuare a far abbassare le cifre”. La salmonellosi è la seconda malattia di origine alimentare più comune nell’Ue dopo la campilobatteriosi

Attualmente i Paesi dell’Ue sono tenuti a ridurre al 2% la proporzione di allevamenti di ovaiole infettati da determinati tipi di Salmonella. Gli esperti dell’Efsa stimano che se questo obiettivo venisse ridotto all’1%, i casi di salmonellosi trasmessi all’uomo tramite le galline ovaiole crollerebbero del 50%.

L’obiettivo dell’1% è attualmente in vigore per le galline da riproduzione, all’inizio della filiera di produzione avicola, solo per cinque tipi di Salmonelladi rilievo per la salute umana. L’Efsa raccomanda di mantenere l’obiettivo attuale per tre di questi tipi – S. Enteritidis, S. Typhimurium (incluse le varianti monofasiche) e S. Infantis – e di sostituire gli altri due – S. Virchow e S. Hadar – con tipi che sono maggiormente di rilievo per la salute pubblica al giorno d’oggi: S. Kentucky o S. Heidelberg, S. Thompson o un sierotipo variabile negli obiettivi di prevalenza nazionale.

Tuttavia, osserva l’Efsa, un obiettivo dell’1% che riguardasse tutti i sierotipi sarebbe più efficace, in quanto i sierotipi più rilevanti negli allevamenti variano tra gli Stati dell’Ue e nel tempo.

galline ovaiole uova allevamento
Efsa ha rilevato come il tasso di Salmonella sia inferiore nelle galline allevate con metodi alternativi alla gabbia

Nel loro parere, gli esperti dell’Efsa hanno valutato anche il ruolo svolto dai sistemi di allevamento delle galline ovaiole. Nell’Ue, a partire dal 2012, per motivi di benessere animale l’allevamento in batteria delle galline ovaiole è vietato. Sono consentite solo gabbie “modificate” (più spaziose delle gabbie in batteria, dotate obbligatoriamente di nido e lettiera) e metodi di stabulazione alternativi con sistemi non in gabbia (pollaio, all’aperto e biologico all’aperto). Gli esperti rilevano che l’insorgenza di Salmonella è inferiore nelle galline allevate con sistemi di stabulazione alternativi rispetto alle gabbie, anche se le ragioni di ciò non possono essere ancora del tutto chiarite a causa della mancanza di evidenze scientifiche.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

Toxic Warning Action at EC in Brussels glifosato

Glifosato, la Corte Ue bacchetta Efsa: dovrà rendere pubblici gli studi di tossicità. L’interesse dei cittadini deve prevalere sulle aziende

L’Efsa dovrà rendere noti gli studi che hanno condotto alla decisione di prolungare l’autorizzazione al …