Home / Etichette & Prodotti / Bocciate 12 diciture salutistiche per le etichette, il ferro non riduce la perdita di capelli, il licopene non attiva l’abbronzatura

Bocciate 12 diciture salutistiche per le etichette, il ferro non riduce la perdita di capelli, il licopene non attiva l’abbronzatura

diciture etichette alimentari mela etichette 482324937
Bocciate 12 diciture etichette alimentari proposto dalle aziende

Un regolamento comunitario prevede che le aziende intenzionate ad adottare nuove diciture salutistiche sulle etichette, debbano presentare una domanda accompagnata da un’adeguata documentazione scientifica. Sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea (2 Serie Speciale – Unione Europea n. 31 del 24-4-2014) è stato pubblicato il Regolamento N. 155/2014 della Commissione del 19 febbraio 2014, relativo alla richiesta di autorizzazione di alcune indicazioni sulla salute fornite sui prodotti alimentari, con la lista delle ultime 12 richieste e delle  risposte.

Vi proponiamo l’elenco dei vari principi nutritivi presenti nei prodotti con l’indicazione salutistica che le aziende avevano chiesto di riportare sulle etichette: sono state tutte bocciate dall’Efsa.

 

L-tirosina: L-tirosina è essenziale per la formazione naturale di dopamina.

Ferro: Riduzione della perdita eccessiva dei capelli nelle donne non in menopausa.

Citrullina malato: Mantenimento dei livelli di adenosina trifosfato (ATP) tramite una riduzione dei lattati in eccesso, ai fini di un miglioramento del recupero dall’affaticamento muscolare.

Eff EXT ™: Contribuisce a sostenere la flessibilità delle articolazioni.

mela etichette frutta 480219643
L’estratto di vinaccioli di Vitis vinifera non aiuta a ridurre il gonfiore alle gambe

Olio di krill: Contribuisce a migliorare il benessere delle articolazioni sensibili.

Estratto di vinaccioli di Vitis vinifera L.: Contribuisce a favorire la circolazione venosa nelle gambe.

Estratto di vinaccioli di Vitis vinifera L.: Aiuta a ridurre il gonfiore alle gambe.

Cynatine®: Il consumo giornaliero di 500 mg di Cynatine® aiuta a mantenere la flessibilità delle articolazioni.

OXY 280: OXY 280 aiuta a perdere peso.

Estratto di vinaccioli di Vitis vinifera L.: favorisce il drenaggio corporeo nel caso di accumulo di acqua.

Una combinazione di estratti di Paullinia cupana Kunth (guaranà) e di Camellia sinensis (L.) Kuntze (tè verde): contribuisce a bruciare il grasso.

Una combinazione di licopene, vitamina E, luteina e selenio: contribuisce a preparare e attivare l’abbronzatura.

 

Il bilancio di queste 12  richieste è abbastanza negativo visto che tutte sono state respinte!

 

Sara Rossi 

© Riproduzione riservata

Foto: Thinkstockphotos.com

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

prosciutto crudo

Coldiretti: 3 prosciutti su 4 da cosce importate. Serve l’etichetta di origine. Silenzio sulla frode dei prosciutti Parma e San Daniele

Il presidente di Coldiretti Ettore Prandini ritiene sia giunto il momento di “conoscere l’origine degli …

5 Commenti

  1. Avatar

    Come mai se seguo la vostra pagina dal reader rss continuo ad avere problemi di visualizzazione dell’articolo completo? Ecco come si vede dal lettore rss che utilizzo… https://www.dropbox.com/s/nkd90zl9ky7ob6b/Rss%20view.jpg

    • Valeria Nardi

      Gentile Jenny,
      il nostro sito ha queste impostazioni predefinite. Per leggere l’articolo completo basta cliccare sul link o andare in home page su http://www.ilfattoalimentare.it. Se invece volesse ricevere la newsletter settimanale con i titoli e i link delle notizie più interessanti, può iscriversi gratuitamente nella colonna di destra in home page.

  2. Avatar

    E’ un peccato toglie la voglia di leggere gli articoli, comunque grazie lo stesso, siete i migliori…

  3. Avatar

    Ma l’Efsa per chi lavora e chi rappresenta, se a parte qualche forzatura da correggere, sanziona ogni possibile contributo salutistico per rimedi che “aiutano, contribuiscono, favoriscono…” qualche funzione fisiologica?
    Alcuni degli effetti citati sappiamo essere veri e verificati con l’uso da parte di milioni di consumatori di tutto il mondo e questo eccessivo rigore farmaceutico della commissione è decisamente incomprensibile.
    Molti di questi prodotti non hanno adeguato supporto documentale, proprio perché gli studi specifici sono molto costosi e nessuna azienda farmaceutica investe in rimedi comuni e non brevettabili, senza pingui ritorni economici.
    Quindi ribadisco la domanda: per chi lavora l’Efsa e chi rappresenta secondo il vostro parere?

  4. Avatar

    Forse sono proprio le case farmaceutiche che non vogliono che si riconosca a semplici alimenti proprietà farmacosimili? Perchè quando si fanno questi studi non si legge mai un controllo positivo fatto con i tanto miracolistici farmaci? E’ tutta una pastella…..