;
Home / Recensioni & Eventi / DeFENS: il nuovo dipartimento scientifico che si occupa di alimentazione dell’Università Statale di Milano

DeFENS: il nuovo dipartimento scientifico che si occupa di alimentazione dell’Università Statale di Milano

Nasce DeFENS, (Department of Food, Environmental and Nutritional Sciences) l’innovativa struttura dell’Università Statale di Milano che riunisce cinque dipartimenti per la ricerca scientifica nell’ambito alimentare.

Il nuovo organismo sarà più grande, più articolato e meglio organizzato rispetto al suo predecessore, il DiSTAM (Dipartimento di Scienze e Tecnologie Alimentari e Microbiologiche) costituito 27 anni fa. Lo scopo è quello di attrezzarsi per affrontarle al meglio i nuovi ambiti della ricerca scientifica dalle nanotecnologie alla sensoristica, dagli approcci di modellistica molecolare alla metabolomica. Tra i temi che DeFENS porrà al centro degli obiettivi ci sarà anche la necessità di collocarsi maggiormente in un contesto sia europeo che intercontinentale. I settori scientifici cui aderiscono gli 81 docenti, sono articolati in cinque sezioni: nutrizione umana, microbiologia degli alimenti e bioprocessi, scienze chimiche e biomolecolari, scienze e tecnologie dei sistemi alimentari e scienze dei sistemi agro-ambientali.

I fautori del progetto focalizzano l’attenzione sulla missione del sistema universitario che deve promuovere la conoscenza diffusa e partecipata, sintetizzato nel motto, ripreso dal XVIII secolo, «Sapere aude!» cioè: «Abbiate il coraggio di sapere, di conoscere, di usare il vostro intelletto!».

Al di fuori delle citazioni auliche, l’invito che rivolgiamo ai docenti del DeFENS è di trasferire con maggiore convinzione le loro ricerche e conoscenze al mondo dei media e al grande pubblico. Oggi per scoprire e rilanciare le scoperte scientifiche in ambito alimentare bisogna sfogliare le riviste specializzate e armarsi di molta pazienza. Sarebbe utile se strutture come il DeFENS adottassero misure comunicative più efficaci, ad esempio una newsletter da inviare ai giornalisti del mondo alimentare con una sintesi delle loro più significative ricerche.

Valeria Nardi

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

Roberto La Pira

  Valeria Nardi

Valeria Nardi
Giornalista

Guarda qui

Il Fatto Alimentare cerca collaboratore/collaboratrice giornalista per la redazione di Milano

La redazione del sito Il Fatto Alimentare cerca un collaboratore full time per il ruolo di redattore …