Home / Recensioni & Eventi / Dannato zucchero: un libro divertente, semplice ed efficace per convincerci che troppa dolcezza non fa bene

Dannato zucchero: un libro divertente, semplice ed efficace per convincerci che troppa dolcezza non fa bene

Dannato zucchero
Il libro che ci spiega gli effetti dello zucchero attraverso un esperimento e immagini accattivanti

Un uomo (che è anche l’autore del libro) decide di fare un esperimento: per sessanta giorni si sottopone a una dieta ricca di zuccheri, basata sull’assunzione di 40 cucchiaini (da 4 grammi l’uno, mentre in Italia è convenzionalmente di 5 g). Stesse calorie di prima, ma per la maggior parte provenienti da cibi zuccherati. La supervisione dell’esperimento è affidata a quattro persone che seguono il nostro uomo durante i due mesi di dieta forzata: un medico di base, un patologo clinico, un nutrizionista e uno scienziato dello sport. I risultati della dieta vengono monitorati misurando non solo il peso, ma anche la circonferenza e altri fattori oltre che l’aspetto più psicologico collegato al consumo di zucchero.

Cosa sia successo e quale sia il senso di questo esperimento lo potete leggere nel saggio Dannato zucchero di Damon Gameau edito da Gribaudo. Si tratta di un volume corposo, ma molto accattivante grazie alla grafica, alle illustrazioni e alle spiegazioni semplici e coinvolgenti. Nulla viene dato per scontato e ogni scoperta fatta da Gameau sul suo corpo viene spiegata. Il libro è diviso in quattro parti: l’esperimento, la scienza, il ritorno alla forma fisica (e il come), le ricette.

Dopo aver spiegato gli effetti dello zucchero, l’autore racconta come fare per evitare l’assunzione dei numerosissimi prodotti che lo contengono: dalle bibite alle merendine, dalle marmellate ai cereali raffinati… Lo scrittore suggerisce come rompere il circolo vizioso dello zucchero considerata come una vera e propria sostanza che crea dipendenza, dà piacere e  innesca il meccanismo della voglia (chi di noi non ha mai sperimentato la “voglia di dolce”?).  Agisce anche sul tono dell’umore e sulla concentrazione. Dietro a questo lavoro c’è comunque un rischio: quello di demonizzare un alimento o ancora peggio un’intera categoria, di per sé molto vasta. Lo zucchero infatti è presente anche nella frutta, e si forma nel nostro organismo in seguito alla  scissione dei carboidrati presenti nei cereali, nella farina e nei prodotti da forno.

dolci iStock_000001804121_Small
Troppo zucchero fa male: l’OMS dice che non deve superare il 10% delle calorie giornaliere. Meglio se sta sotto il 5%

Il messaggio più importante del libro è che troppo zucchero semplice e/o raffinato fa male. O più in generale che è la dose a fare il veleno,concetto estendibile anche a  grassi e proteine. Per questo l’OMS tende a stabilire delle soglie giornaliere di consumo. Nel caso dello zucchero, è auspicabile una quantità pari al   5% delle calorie giornaliere per avere benefici, mentre il limite massimo è del 10%. Come fare per eliminarlo? Rinunciare a bibite zuccherate, succhi di frutta, snack, merendine, comprese le barrette salutistiche, ridurre il consumo di carboidrati complessi come pane, pasta, patate e riso e stare attenti anche con la frutta, infine bere caffè e tè senza aggiungerci le zollette. Per chi usa il dolcificante? Non vi sono ancora studi scientifici sulla nocività, ma una cosa è certa: lascia l’abitudine al gusto dolciastro e quindi non spezza il circolo vizioso dello zucchero, spingendoci comunque a cercarlo.

 

Titolo: Dannato zucchero
Autore: Damon Gameau
Editore: Gribaudo
Prezzo: 19,50
Pagine: 240

 

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Different water bottles for sports on color background

A scuola si combatte la plastica: borracce agli studenti in molti comuni italiani

In tutta Italia prende sempre più piede la distribuzione delle borracce nelle scuole. Ecco dunque …