Home / Allerta / Crema di sesamo bio ritirata per salmonella. Esportata dalla Germania in sette Paesi europei. È allerta nel Canton Ticino

Crema di sesamo bio ritirata per salmonella. Esportata dalla Germania in sette Paesi europei. È allerta nel Canton Ticino

crema di sesamo alnatura salmonella

Aggiornamento del 30 gennaio 2015

È  arrivata un’allerta anche in Italia per cui tutti i vasetti di Tahin crema di sesamo scuro bio della società tedesca Rapunzel

sono stati ritirati per salmonella.

Leggi articolo qui

La crema di sesamo “tahin” biologica dalla Germania, è stata ritirata da numerosi Paesi europei per la possibile presenza di salmonella. In Svizzera lo scorso 22 gennaio la catena di supermercati Migros e l’azienda Alnatura hanno disposto il richiamo di un lotto del prodotto Tahin Sesammus con data di scadenza 09.05.2016 per sospetta contaminazione da salmonella. In seguito ad analisi più approfondite effettuate dal fabbricante, non è stato possibile garantire che anche altri lotti non fossero contaminati. Pertanto, Migros ha richiamato di tutti i vasetti di Alnatura (n. art. 1521.921) e i anche la crema della Rapunzel, Tahin Sesammus (n. art. 1095.001.24200; 1095.002.08500 e 1095.002.90500).

 

Oltre al sito della Confederazione Svizzera che ha diffuso un comunicato, l’allerta è stata riportata anche sul Rasff con l’indicazione dei paesi in cui si è distribuita: Austria, Croazia, Repubblica Ceca, Germania, Slovacchia, Slovenia e Svizzera.

 

crema sesamo rapunzelPer ragioni di salute, si prega chi avesse acquistato la tahin di astenersi dal consumare il prodotto interessato. Il batterio della salmonella può causare disturbi gastrointestinali. Se dopo aver consumato il prodotto si dovessero avvertire sintomi quali nausea, diarrea o mal di testa, si raccomanda di consultare un medico.

 

I prodotti possono essere restituiti dietro rimborso del prezzo di acquisto di fr. 4.40 presso tutti i punti vendita Migros o i negozi Alnatura.

 

Per ulteriori informazioni:

Infoline: da lunedì a venerdì dalle 08.00 alle 17.00

sabato: dalle 08.30 alle 12.30

Limmatstrasse 152, CH-8031 Zurigo

Tel. 0848 84 08 48

 

Sara Rossi

© Riproduzione riservata

Foto: iStockphoto.com

 

sostieniProva2

Le donazioni a Il Fatto Alimentare si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal): clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Castagne d’India o matte: in Francia pubblicata una guida per prevenire le intossicazioni molto frequenti

Ogni autunno ospedali e centri antiveleni accolgono persone con intossicazioni da castagne d’India, frutti dell’ippocastano …

11 Commenti

  1. Avatar

    Gli acquisti fatti in Italia allora sono sicuri no ?

    • Roberto La Pira

      Venerdì 30 gennaio 2015 è arrivata un’allerta per cui tutti i vasetti venduti in Italia della società tedesca Rapunzel di crema di sesamo bio scuro, sono stati ritirati per salmonella.

    • Avatar

      Nemmeno quelli in Italia sono sicuri, possono essere parte della stessa partita. Sicuramente quello della Rapunzel (per cui mi è arrivato il comunicato), degli altri non ne sono a conoscenza. Sono risultati positivi dei vasetti, è l’azienda stessa che l’ha comunicato

    • Roberto La Pira

      Il Fatto Alimentare prima di pubblicare una notizia relativa al richiamo di un prodotto verifica la fonte. O si tratta di un comunicato ufficiale oppure quando la fonte è diversa verifica la veridicità contattando sempre il produttore.

  2. Avatar

    Qualcuno ci spiega come è possibile trovare tracce di salmonella in un prodotto vegetale quando è noto che questo batterio si annida solo in prodotti di origine animale?

    • Avatar

      Basta l’acqua contaminata o macchinari non puliti a dovere. Anche la frutta e la verdura possono essere contaminate durante il taglio.
      Il batterio non si produce in frutta e verdura. Infatti si parla di CONTAMINAZIONE.
      La domanda che mi sorge è piuttosto: ma se Rapunzel (di questa marca ne ho la certezza, non ho accertato le altre) produce quasi tutto cibo vegan (a parte i formaggi), come ha fatto a esser contaminata la crema di sesamo? che il sesamo non sia stato ben lavato prima di subire il processo da seme a crema? Boh…

    • Avatar

      Ma Rapunzel da dove prende i semi di sesamo per produrre questa crema? Per caso come sempre arrivano dalla Cina? Con l’inquinamento della acque che hanno lì non ci sarebbe da stupirsi se poi arriva la salmonella. Ormai c’è da stare attenti anche al biologico, le materie prime utilizzate sono di scarsissima qualità.

  3. Avatar

    Spero che questo sia solo l’inizio. Il bio tanto decantato in Germania, e i tedeschi si vantano di comperare Bio a buon prezzo, questi sono i risultati. Forse meglio un convenzionale italiano ??
    In Germania si usano materie prime di bassissima qualita’ pur che ci sia il prezzo e nessuno fa i miracoli. Muesli e prodotti contenenti frutta secca e cereali sono pure peggio, rimango sempre in attesa dello scandalo per le barrette! e comunque in quanto a merce tedesca, quando 4 barrette astucciate costano 0,99 cents cosa pensate contengano ?

  4. Avatar

    Io ho acquistato un vasetto Rapunzel con scadenza 26.09.2016. L’ho mangiato più di un mese fa ma i sintomi da salmonella non li ho avuti.
    Come faccio a capire il n. articolo? E’ il codice a barre?
    La contaminazione riguarda sia Rapunzel che Alnatura. Quindi lo stabilimento produttivo è lo stesso per le due aziende?