; Vaccini, il nuovo piano: cinque categorie di priorità per età e patologie
Home / Coronavirus / Covid-19, presentato il nuovo piano vaccini. Cinque categorie prioritarie per età e patologie

Covid-19, presentato il nuovo piano vaccini. Cinque categorie prioritarie per età e patologie

vaccini covid-19 sars-cov-2 fialeNel pieno del terzo mese di campagna vaccinale contro il Covid-19, il ministero della Salute ha presentato un nuovo piano di vaccinazioni, che definisce criteri validi per tutto il territorio nazionale e cinque categorie prioritarie da immunizzare in base all’età e alla presenza di patologie. L’aggiornamento della strategia vaccinale si è reso necessario vista la maggiore della disponibilità di vaccini – al momento sono quattro quelli autorizzati, dopo l’approvazione del vaccino Janssen di Johnson&Johnson – e l’avvicinarsi del completamento della fase 1, quella riservata a personale sanitario e over 80.

Secondo il nuovo piano, le vaccinazioni saranno quindi effettuate per età e condizioni di vulnerabilità dovute alla presenza di patologie e disabilità. Su queste basi, la popolazione è stata suddivisa in cinque gruppi:

  • Categoria 1: Persone con elevata fragilità (persone estremamente vulnerabili; disabilità grave);
  • Categoria 2: Persone di età compresa tra 70 e 79 anni;
  • Categoria 3: Persone di età compresa tra i 60 e i 69 anni;
  • Categoria 4: Persone con comorbidità di età <60 anni, senza quella connotazione di gravità riportata per le persone estremamente vulnerabili;
  • Categoria 5: Resto della popolazione di età <60 anni.

Nel gruppo delle persone con elevata fragilità sono compresi soggetti che soffrono di patologie neurologiche degenerative con Sla e sclerosi multipla, diabetici, pazienti oncologici e soggetti con altre gravi patologie e disabilità. Nella categoria 4, invece, rientrano persone con malattie o immunodeficienze che non hanno la stessa connotazione di gravità delle persone fragili, ma che comunque possono aumentare il rischio di sviluppare forme severe di Covid-19.

Volumi di potenziali dosi disponibili e % di copertura della popolazione. Le fasi indicate (T) dipendono dai tempi delle autorizzazioni delle agenzie regolatorie e disponibilità di vaccini indicati per le categorie rappresentate (ministero della Salute)

Le vaccinazioni, quindi, proseguiranno con il completamento dell’immunizzazione dei sanitari e dei cittadini con più di 80 anni, a cui saranno riservati i vaccini a mRna Pfizer/BioNTech e Moderna, e in parallelo potranno iniziare le somministrazioni alle cinque categorie prioritarie, andando dalla 1 alla 5. Accanto a questi gruppi, proseguiranno anche le inoculazioni di “Personale docente e non docente, scolastico e universitario, Forze armate, di Polizia e del soccorso pubblico, servizi penitenziari e altre comunità residenziali”, considerate a rischio perché più esposte.

Un’altra novità del piano aggiornato è la possibilità di somministrare i vaccini anche all’interno dei luoghi di lavoro, a prescindere dal criterio dell’età, con l’obiettivo di accelerare l’immunizzazione della popolazione. Le somministrazioni in azienda dovranno comunque essere realizzate da personale sanitario e si faranno solo qualora ci sia un numero sufficiente di dosi disponibili.

© Riproduzione riservata Foto: stock.adobe.com, ministero della Salute

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

Roberto La Pira

  Giulia Crepaldi

Giulia Crepaldi

Guarda qui

Vaccini, il vero e il falso sui farmaci che combattono i microrganismi e difendono dalle malattie

Il vaccino è un farmaco che stimola il sistema immunitario a produrre anticorpi, deputati a …

2 Commenti

  1. Avatar

    Piano vaccinale partito male, con scelte iniziali sconsiderate (le Primule!), proseguito peggio, rappezzato in qualche modo dal nuovo governo, ma si sa che riparare è più complesso e costoso che costruire bene subito: e trovo scandaloso che ogni regione ancora si muova in modo incontrollato e indipendente invece di seguire un unico protocollo nazionale, come se il covid si potesse affrontare in modo differente tra Puglia e Liguria o tra Piemonte e Molise, come se le regioni fossero circondate ognuna dal suo bel “muro di Trump” invece che oggetto di continui scambi di merci e persone.

    Oh, certo, ci sono le Zone Rosse con i divieti! …che non si possono applicare alle migliaia di persone che per lavoro devono continuare a spostarsi, non solo gli addetti al trasporto merci o persone ma pendolari, rappresentanti, personale di ditte di manutenzione e assistenza, da un anno ad esempio un mio conoscente specialista in apparecchiature elettroniche attraversa ogni giorno tre regioni per seguire installazioni di cantiere.

    Va rivisto l’intero sistema della Salute Pubblica in modo che i problemi che coinvolgono l’intera nazione non siano più spezzettati tra venti diverse centrali decisionali ognuna con una diversa idea di quali siano le priorità e di come affrontarle, lasciando invece piena discrezionalità limitatamente a quelli strettamente locali ma sempre su linee guida uniformi.

    E magari assumendo il personale necessario, formandolo correttamente e retribuendolo adeguatamente, e mantenendo e riattando e riattrezzando strutture decentrate invece dei fantasmagorici mega “centri della salute” di cui si favoleggia e che intrupperebbero migliaia di persone in “cittadelle! limitate moltiplicando i rischi di contagio e di disastroso blocco totale a ogni epidemia: perché il covid non sarà certo l’ultima.

    • Avatar

      La sua considerazione è troppo intelligente e razionale, non troverebbe mai applicazione nella nostra realtà disorganizzata e ” creativa” per usare un eufemismo.Pragmatismo e senso civico in Italia non si sa nemmeno dove stanno di casa, purtroppo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *