Home / Recensioni & Eventi / Alimentazione e attività fisica: sfatiamo le fake news. Corso per dottorandi all’Università di Pavia

Alimentazione e attività fisica: sfatiamo le fake news. Corso per dottorandi all’Università di Pavia

nutrizionista dietista alimentazione cibo sano dietaDall’8 al 12 giugno, presso l’Università di Pavia, si terrà il corso trasversale “Alimentazione e attività fisica per la salute e il benessere: sfatiamo le fake news con l’evidenza scientifica” destinato agli studenti di dottorato. Il corso vuole fare chiarezza, appunto, su alimentazione e attività fisica, analizzando bufale e notizie infondate, anche grazie alla partecipazione di esperti del settore, e discutendo di come interpretare e comunicare correttamente i risultati degli studi scientifici. Tra i docenti, c’è anche Roberto La Pira, direttore del Fatto Alimentare.

Il corso avrà una durata complessiva di 24 ore, suddivise in sei moduli tematici da quattro ore ciascuno: diete ipocaloriche per la perdita di peso, scrivere di cibo, attività fisica e salute, il mondo del fitness, dieta senza glutine e, infine, consumo di latte e salute. È possibile frequentare anche i singoli incontri.

Le lezioni si terranno nell’aula E della Cascina Cravino, in via Agostino Bassi 21 a Pavia, dall’8 al 12 giugno dalle ore 14.00 alle 18.00, ad eccezione del 10 giugno, quando saranno tenuti due moduli, dalle 9.00 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 18.00. Il corso è organizzato dal Dipartimento di Sanità pubblica, medicina sperimentale e forense.

Il modulo di iscrizione per i dottorandi sarà disponibile a questo link. Chi fosse interessato al corso, ma non è un dottorando dell’Università di Pavia, può scrivere a cinzia.ferraris@unipv.it

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

Roberto La Pira

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Lievito e forza delle farine: cosa scegliere al supermercato? I consigli di Antonello Paparella

Durante il primo lockdown avevamo già approfondito l’argomento di tendenza su come panificare a casa, …

3 Commenti

  1. Avatar

    Cioè state dicendo che in ventiquattrore i dottorandi saranno in grado di padroneggiare sufficientemente la materia ? Sarà sempre meglio di niente ma scusate la franchezza , mi sembra più una cosa pubblicitaria che altro. Quale sarà il titolo accademico attribuito ai frequentatori del corso?

    • Avatar

      signor Gianni, si tratta di un’attività didattica all’interno di un percorso ben più ampio di dottorato, come è normale che avvenga in tutti i percorsi di PhD. Quindi non viene rilasciato alcun titolo ai frequentatori, ma dovranno sostenere un esame o predisporre un elaborato per acquisire i relativi crediti.

  2. Giulia Crepaldi

    Gentile Antonio,
    i moduli di iscrizione ai corsi trasversali per dottorandi dell’Università di Pavia si trovano a questo link: http://phd.unipv.it/corsi-trasversali-per-dottorandi/
    Nel caso del corso specifico, il modulo di iscrizione non è ancora disponibile.