;
Home / Coronavirus / Coronavirus: le regole del ministero della Salute per proteggersi dalla pandemia

Coronavirus: le regole del ministero della Salute per proteggersi dalla pandemia

coronavirusDiversi lettori scrivono in redazione e chiedono quali sono le regole da seguire per proteggersi dal coronavirus. Le cose da fare sono elencate sul sito del ministero della Salute che fa una lista dettagliata su come comportarsi.
  • Portare sempre con sé la mascherina o altri dispositivi di  protezione delle vie respiratorie e indossarli nei luoghi al chiuso e in tutti i luoghi all’aperto quando non può essere garantita in modo continuativo la condizione di isolamento rispetto a persone non conviventi
  • È fortemente raccomandato l’uso della mascherina anche all’interno delle abitazioni private in presenza di persone non conviventi. ​Sono esonerati dall’obbligo i soggetti che stanno svolgendo attività sportiva, i bambini di età inferiore ai sei anni e i soggetti con patologie o disabilità incompatibili con l’uso della mascherina e chi interagisce con loro
  • Mantenere una distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro
  • Lavarsi spesso le mani con con acqua e sapone o in assenza con soluzioni idroalcoliche per il lavaggio delle mani.
  • Evitare i luoghi affollati, gli ambienti chiusi con scarsa ventilazione e la distanza ravvicinata
  • Garantire una buona ventilazione di ambienti chiusi, inclusi abitazioni e uffici
  • Evitare abbracci e strette di mano
  • Starnutire e/o tossire in un fazzoletto evitando il contatto delle mani con le secrezioni respiratorie
  • Evitare l’uso promiscuo di bottiglie e bicchieri, in particolare durante l’attività sportiva
  • Non toccarsi occhi, naso e bocca con le mani
  • Non assumere farmaci antivirali e antibiotici, se non prescritti dal medico
  • Pulire le superfici con acqua e sapone o comuni detergenti neutri per rimuovere lo sporco e poi disinfettarle con soluzioni a base di ipoclorito di sodio (candeggina/varechina) o alcol adeguatamente diluite
    coronavirus
    Quali sono le regole da seguire per proteggersi dal coronavirus?

Se si presentano febbre, tosse o difficoltà respiratorie e si sospetta di essere stato in stretto contatto con una persona affetta da malattia respiratoria Covid-19, bisogna restare in casa, non recarsi al pronto soccorso o presso gli studi medici ma telefonare al medico di famiglia, al pediatra o alla guardia medica, oppure chiamare il numero verde regionale. Utilizzare i numeri di emergenza 112/118 solo in caso di effettiva necessità. Per ulteriori informazioni contattare il ministero della Salute al numero gratuito di pubblica utilità 1500, attivo tutti i giorni 24 ore su 24.

© Riproduzione riservata

  Roberto La Pira

Roberto La Pira
Giornalista professionista, laurea in Scienze delle preparazioni alimentari

Guarda qui

A female Waiter of European appearance in a medical mask serves Latte coffee.

Da oggi ristoranti e pub aperti nel Regno Unito. Boris Johnson (in quarantena) dà il via libera, ma gli scienziati sono contrari

Da oggi Boris Johnson, nonostante i numeri non siano favorevoli, ha proclamato in tutto il Regno …

6 Commenti

  1. Avatar

    I runners sono quindi senza mascherina, mentre se cammino ( attività motoria ) devo indossarla. Strano visto che l’emissione di aerosol potenzialmente contagiosi é molto maggiore in chi ti passa accanto sbuffando come una locomotiva. Non è così?

  2. Avatar

    Quello che i politici si ostinano a non capire è che più le istruzioni sono dettagliate, pedanti e pignole e peggio saranno capite, assimilate, ricordate e applicate… sarebbe sufficiente ricordare di:

    – indossare sempre la mascherina a coprire naso e bocca se non si è da soli o a distanza di sicurezza di almeno un metro da persone non conviventi

    – non rimuovere la mascherina se si tossisce o starnutisce, oppure farlo in un fazzoletto o nella piega del gomito

    – evitare i contatti fisici con persone non conviventi e la condivisione di tutto ciò che si porta alla bocca

    – evitare tutti i gruppi di persone e i luoghi affollati se non sono ben aerati

    – lavarsi spesso le mani, o se non possibile strofinarle col gel, e non toccarsi occhi, naso e bocca se non si sono prima pulite le mani

    – pulire bene tutte le superfici con normali detersivi casalinghi e ripassarle con acqua e candeggina o alcol

    Sei punti invece di undici, e un fantastiliardo di parole in meno (scritto di getto, potrei aver omesso qualcosa), poi se si vuole entrare nel dettaglio lo si può fare a piè di pagina per chi ha tempo e voglia di approfondire.

    • Avatar

      e perché mai dovremo disinfettare le superfici di casa, e disinfettarci le mani a casa, se non in presenza di un positivo? e cosa dovremmo usare? pezza x detersivi normali e pezza per disinfezione? per fortuna il mondo è pieno di scienziati improvvisati…comunque la distanza di 1 metro è poco, ovviamente

  3. Avatar
    Giovanni Giuffrè

    Da giornalista incallito continuo a tempestare le autorità sanitarie regionali e nazionali. Vorrei che mi spiegassero perchè i negozi di alimentari, pasticcerie panifici ecc. non vengono controllati e monitorati almeno con un tampone mensile ad impiegato che passa la giornata toccando a mani nude pagnotte, pasticcini, frutta ecc. ?
    Le autorità comunali, almeno loro, dovrebbero controllare tutti i negozi di alimentari perchè non basta controllare chi porta o no le mascherine quando un semplice impiegato di questi suddetti settori potrebbe contagiare centinaia di clienti.

    • Avatar

      Tiziana
      “e perché mai dovremo disinfettare le superfici di casa, e disinfettarci le mani a casa”

      Per la normale igiene della persona e della casa, solo con maggior attenzione perché il virus possiamo raccoglierlo fuori.

      “cosa dovremmo usare?”

      Leggi sopra, “acqua e sapone o comuni detergenti (…) soluzioni a base di (…) candeggina o alcol”, magari li hai a casa anche tu.

      “il mondo è pieno di scienziati improvvisati”

      Quante lauree e master hai, e in che campo, per fare una simile affermazione?

      “la distanza di 1 metro è poco”

      Ovviamente lo hai stabilito tu, non quegli improvvisati degli scienziati.

    • Avatar

      @Giovanni Giuffrè
      Guarda che l’hanno già spiegato che il virus non si trasmette col cibo quindi se hanno su la mascherina non contagiano più di te o me, e le mani nude basta che siano pulite non serve a niente mettere i guanti perchè quando tocchi qualcosa di sporco li sporchi come le mani!! e poi se tocchi ilcibo sporchi il cibo!!!

      E poi cosa li controllano a fare, il tampone ti dice che oggi non hai il virus ma domani incontri uno infetto e lo prendi, cosa gli fanno un tampone al giorno?? sono controllati come sempre e fanno più attenzione alla pulizia che tanti che sono sempre dietro a lamentarsi!!