Home / Coronavirus / Coronavirus, confermati tre casi in Francia e uno in Germania. Superati i 6 mila contagiati, più della Sars

Coronavirus, confermati tre casi in Francia e uno in Germania. Superati i 6 mila contagiati, più della Sars

coronavirus mappa oms 28 gennaioL’avanzata del coronavirus 2019-nCoV continua, soprattutto in Cina, e l’aumento dei casi in vari Paesi del mondo alimenta il timore di una nuova pandemia. I numeri ufficiali dell’ultimo rapporto dell’Oms, datati 28 gennaio, parlano di 4.593 casi e 106 morti. Il South China Morning Post, che fornisce aggiornamenti in tempo reale sull’epidemia, indica numeri ancora più alti: 6.145 casi confermati, di cui 6.055 nella Cina continentale e 90 nel resto del mondo, e 132 morti.

Per capire meglio la dimensione del problema, basta dire che il numero di infezioni registrate sino ad ora ha ampiamente superato quello dell’epidemia di Sars del 2002/03, scatenata anch’essa da un coronavirus. Allora erano stati registrati 5.327 casi in nove mesi, mentre oggi è stata superata quota 6 mila in meno di due mesi. L’altra considerazione è che, come ricorda anche l’Istituto superiore di sanità, i numeri diffusi dalle autorità cinesi sono probabilmente sottostimati.

Il centro dell’epidemia resta Wuhan, metropoli di 11 milioni di abitanti e capitale della provincia di Hubei, dove a dicembre si sono verificati i primi casi di una polmonite virale di origine sconosciuta, poi attribuiti al nuovo coronavirus. Per quanto riguarda l’origine, l’ipotesi più accreditata riguarda il mercato del pesce della città, dove sono venduti anche animali vivi, visto che diverse persone lo avevano frequentato prima di essere colpite dalla malattia. Tuttavia, nuovi dati hanno messo in dubbio questa ipotesi, anche se il mercato rimane comunque al centro delle indagini delle autorità sanitarie.

Intanto, aumentano i casi di infezione da coronavirus 2019-nCoV in Europa. L’Oms riferisce di tre casi in Francia e uno in Germania. In particolare, come riporta il Centro europeo per il controllo e la prevenzione delle malattie (Ecdc), è stato accertato che il paziente tedesco, residente in una città bavarese, ha contratto il coronavirus in Germania da una persona proveniente dalla Cina, che a sua volta era stata contagiata da alcuni parenti della zona di Wuhan. Secondo Ecdc è probabile che in Europa si identifichino altre infezioni da coronavirus in persone che arrivano dalla Cina, ma bisogna anche aspettarsi una limitata diffusione locale del virus. L’Oms, intanto, non ha ancora dichiarato lo stato di emergenza globale.

Chinese typical fish and living animals market
In foto, un tipico mercato cinese di pesce e animali vivi, come quello in cui si sospetta possa aver avuto origine l’epidemia di coronavirus

L’eventualità che anche in Europa si verifichi un contagio secondario – precisa Gianni Rezza direttore del Dipartimento di malattie infettive dell’Istituto superiore di sanità – dovuto cioè al contatto con una persona infetta, come avvenuto in Germania, era fra quelle ritenute possibili, e non comporta un cambiamento delle misure da prendere per arginare l’epidemia già in atto. Il contatto con persone provenienti dalla Cina non si può escludere, anche se è ancora presto per sapere con che frequenza e in che condizioni questo possa avvenire”.

In Italia tutti i casi sospetti segnalati sono finora risultati negativi. Il ministero della Salute ha attivato una rete di sorveglianza per il nuovo coronavirus e dato vita a una task force, che comprende tra gli altri Iss e Carabinieri del Nas, per affrontare il rischio epidemia e coordinare le azioni di prevenzione. Sono stati anche rafforzati i controlli negli aeroporti, in particolare Fiumicino e Malpensa. Per tutti i dubbi il ministero ha istituito il numero verde 1500, che risponde anche in cinese, e può dare le indicazioni del caso anche a chi ritiene di aver avuto contatti a rischio.

Per i consigli alla popolazione e le contromisure per evitare l’infezione clicca qui.

 

Atri articoli recenti sul coronavirus

Coronavirus: cosa fare se si sospetta il contagio? Vademecum dell’Istituto superiore di sanità del 10 marzo

-Coronavirus: l’acqua del rubinetto non è pericolosa. L’Istituto superiore di sanità spiega perché non serve la minerale del 9 marzo

Coronavirus: come capire quando l’influenza non è normale. I sintomi descritti dall’Istituto superiore di sanità dell’8 marzo

Coronavirus, intervista a Walter Ricciardi sul sito Quotidiano Sanità: i numeri del contagio sottostimati in Europa del 6 marzo

Cibo, sicurezza & coronavirus. Le precauzioni da prendere in cucina spiegate da Antonello Paparella del 6 marzo

Coronavirus: 81 anni l’età media dei 105 morti. In due terzi dei casi c’erano patologie preesistenti del 5 marzo

Coronavirus: è efficace l’isolamento sociale? Sì, quando c’è un’epidemia. Lo spiega l’Istituto superiore sanità del 5 marzo

Coronavirus e animali domestici: non esistono prove di trasmissione a cani e gatti, scrive l’Istituto superiore di sanità del 3 marzo

Il vaccino per il coronavirus arriverà, ma non prima dell’anno prossimo. Lo spiega Clavenna del Mario Negri del 2 marzo

Coronavirus: gravidanza, allattamento e parto cosa fare? Le regole dell’Istituto superiore di sanità per la mamma e il bambino, del 1 marzo

Coronavirus: le regole da seguire su mascherine, igiene, tosse e raffreddore dell’Istituto superiore di sanità del 26 febbraio

Coronavirus: le parole da conoscere come “contatto stretto” o “asintomatico” le spiega il glossario dell’Iss del 25 febbraio

Coronavirus: domande e risposte sulla trasmissione in Italia e su cosa devono fare i donatori e le persone in gravidanza del 24 febbraio

Coronavirus, seri sospetti sui pangolini responsabili della trasmissione all’uomo. Stretta in Cina sul commercio di animali vivi del 24 febbraio

Coronavirus: igiene, prevenzione, cibo e animali, cosa fare? Le domande e le risposte del ministero del 23 febbraio

– Coronavirus: sintomi e modalità di trasmissione, le domande e le risposte del ministero della Salute del 23 febbraio

© Riproduzione riservata

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Pensive, thoughtful woman wearing protection handmade face mask during the quarantine of coronavirus infection outbreak. Copy, empty space for text

Mascherine di comunità: cosa sono e come si usano? Il vademecum con infografica dell’Istituto superiore di sanità

Ora che le mascherine sono obbligatorie sui mezzi pubblici, negli spazi chiusi e in alcune …