Home / Coronavirus / Coronavirus, Aldi offre incentivi economici ai dipendenti americani che si vaccinano

Coronavirus, Aldi offre incentivi economici ai dipendenti americani che si vaccinano

Negli Stati Uniti Aldi offrirà incentivi ai dipendenti che sceglieranno di vaccinarsi contro il coronavirus. La catena tedesca di discount si unisce così alle insegne americane della grande distribuzione Trader’s Joe e Dollar General e al servizio di spesa a domicilio Instacart che nei giorni scorsi hanno annunciato misure per incentivare le vaccinazioni in un categoria di lavoratori essenziali particolarmente esposta al contagio.

Come riferisce Reuters, Aldi intende offrire ai dipendenti che si vaccinano un incentivo equivalente a quattro ore di paga, due per ciascuna dose ricevuta. L’obiettivo della catena, si legge in un comunicato, è quello di “assicurarsi che tutti i lavoratori che desiderano ricevere il vaccino siano in grado di farlo senza preoccuparsi di perdere soldi o sottrarre tempo al lavoro”. Altre misure messe in campo da Aldi includono flessibilità di orario, la copertura di eventuali costi legati alla vaccinazione e l’istituzione di cliniche nei propri magazzini e uffici per rendere più accessibili i vaccini.

Come Aldi, anche Dollar General e Trader’s Joe offriranno ai dipendenti che si vaccinano quattro ore di paga, mentre Instacart – un servizio simile all’italiano Everli, precedentemente noto come Supermercato24 – darà 25 dollari ai personal shopper, in modo che non debbano scegliere tra la vaccinazione e il lavoro.

Secondo una raccomandazione dei CDC americani, i lavoratori dei supermercati dovrebbero rientrare nella seconda fascia della popolazione ad essere vaccinata dopo gli operatori sanitari e gli ospiti delle case di riposo, ma la decisione finale spetta ai singoli stati. Come riporta MarketWatch, secondo un sondaggio della Società per la gestione delle risorse umane, il 36% dei lavoratori americani non intende vaccinarsi: si spera che gli incentivi offerti dalle aziende possano aiutare a cambiare le cose.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

Roberto La Pira

  Giulia Crepaldi

Giulia Crepaldi

Guarda qui

Lo scandalo delle mascherine Ffp2 non a norma: come riconoscere quelle vere?

In questi giorni è scoppiato lo scandalo delle mascherine Ffp2 non a norma. In molti …

Un commento

  1. Avatar

    Aspettiamo l’equivalente italiano (anche se, visti i nostri industriali e superdirigenti dubito che possa diventare un’iniziativa diffusa; quelli pensano solo alle stock options)