Home / Pianeta / Cop26: l’espansione agricola è la principale causa di deforestazione, secondo i dati Fao

Cop26: l’espansione agricola è la principale causa di deforestazione, secondo i dati Fao

Brazilian Amazonia BurningQuasi il 90% della deforestazione globale è causato dall’agricoltura e dall’allevamento: molto più di quanto si pensasse. Lo rivelano i risultati del Global Remote Sensing Survey della Fao, l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura. Secondo lo studio, realizzato in collaborazione con la Nasa e con Google, a livello globale oltre il 52% della perdita di foreste è attribuibile alla conversione in campi coltivati, mentre un altro 37,5% è dovuto alla creazione di nuovi pascoli per il bestiame.

Le principali cause di deforestazione tuttavia non sono le stesse dappertutto nel mondo. In Africa e in Asia, per esempio, circa tre quarti degli ettari di foresta persi vengono trasformati in terreni agricoli. In Sud America, Oceania e Nord America, invece, la causa primaria di distruzione delle foreste è la creazione di nuovi pascoli. Solo in Europa la produzione alimentare non è il principale fattore alla base della deforestazione, ma lo sviluppo urbano e delle infrastrutture.

brasile deforestazione disboscamento iStock_000007201386_Small
In Sud America la maggior parte della superficie forestale persa è sostituita da pascoli per l’allevamento

Anche se i dati confermano che la deforestazione sta rallentando, le foreste pluviali tropicali restano ancora sotto forte pressione da parte dei terreni agricoli e dei pascoli. Tra il 2000 e il 2018, infatti, la maggior parte della deforestazione si è verificata in Amazzonia, minacciata dall’espansione delle coltivazioni di soia e dei pascoli destinati all’allevamento, e in Indonesia, dove si trova gran parte delle piantagioni di palme da olio. E nonostante un rallentamento, le foreste pluviali tropicali di queste regioni continuano a registrare i tassi di deforestazione più elevati.

Secondo l’ultima valutazione globale delle risorse forestali della Fao, abbiamo perso 420 milioni di ettari di foresta dal 1990”, ha dichiarato il direttore generale Qu Dongyu in un discorso in occasione della COP26, la conferenza sui cambiamenti climatici delle Nazioni Unite. Fermare la distruzione delle foreste è fondamentale per contrastare il cambiamento climatico e 20 Paesi hanno già dimostrato che è possibile farlo senza ridurre la produzione agroalimentare. Anche il rallentamento della deforestazione in Sud America e nel Sud Est asiatico è un buon segno, ma non è ancora abbastanza.

© Riproduzione riservata Foto: stock.adobe.com, depositphotos.com, istock.com

Da 12 anni Ilfattoalimentare racconta cosa succede nel mondo dei supermercati, quali sono le insidie nelle etichette, pubblica le sentenze sulle pubblicità ingannevoli oltre che segnalare il lavoro delle lobby che operano contro gli interessi dei consumatori.

Il nostro è un sito indipendente senza un editore, senza conflitti di interesse e senza contributi pubblici. Questo è possibile grazie ai banner delle aziende e alle migliaia di lettori che ogni giorno ci leggono e ci permettono di sfiorare 20 milioni di visualizzazioni l'anno, senza farcire gli articoli con pubblicità invasive. Ilfattoalimentare dà l'accesso gratuito a tutti gli articoli.
Sostienici, basta un minuto clicca qui. Se vuoi puoi anche farlo con un versamento mensile.

Roberto La Pira

  Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Bottiglia di vino rosso, grappolo di uva nera e due calici distesi su un tavolo di legno

La crisi climatica sta cambiando il vino: aromi e sapori sempre più simili e omologati

C’è un fenomeno di cui si sono accorti molti chef, enologi, produttori e consumatori: il …