Home / Packaging / New York vieta i contenitori alimentari monouso di polistirolo: dovranno essere sostituiti con materiali riciclabili

New York vieta i contenitori alimentari monouso di polistirolo: dovranno essere sostituiti con materiali riciclabili

Take Out Box isolated on white polistirolo
New York vieta i contenitori monouso di polistirolo espanso: dovranno essere sostituiti con materiali riciclabili

Dopo Washington, Minneapolis, San Francisco, Oakland, Portland, Albany e Seattle, anche a New York ha messo al bando il polistirolo utilizzato per contenere cibo e bevande. Dal prossimo primo luglio, i contenitori alimentari monouso di polistirolo espanso dovranno essere eliminati da tutte le attività, essendo stato impossibile creare una filiera per il  riciclo.

Secondo il sindaco di New York, Bill de Blasio, il divieto eliminerà circa trentamila tonnellate annue di rifiuti  da discariche, strade e corsi d’acqua.

Durante il primo anno i trasgressori non riceveranno multe ma solo un ammonimento. Le piccole imprese e quelle non profit, con entrate annue inferiori ai cinquecentomila dollari, potranno fare domanda di esenzione al divieto, se dimostreranno che l’acquisto di prodotti alternativi comporterebbe un danno economico ingiusto. Queste due misure sono state accolte favorevolmente dall’associazione dei ristoranti dello Stato di New York.

 

iStock_000016429324_Small
Il divieto eliminerà circa trentamila tonnellate annue di rifiuti

La decisione del divieto è stata presa dopo aver verificato che il polistirolo espanso non può essere inserito nell’attuale sistema di raccolta differenziata di metallo, vetro, plastica e cartone avviati all’impianto di riciclaggio di New York. Sarebbe stato quindi necessario creare un nuovo circuito di raccolta e riciclaggio, il che non avrebbe soddisfatto i necessari requisiti di efficacia ambientale, sostenibilità economica e sicurezza per i dipendenti dell’impianto di riciclaggio newyorkese. In base alla legge, quindi, il polistirolo espanso è stato giudicato non riciclabile.

Nelle scuole, le 830.000 vaschette di polistirolo espanso usate quotidianamente saranno sostituite con piatti compostabili, al ritmo di sedici scuole l’anno. Una scelta analoga è stata fatta da Milano Ristorazione che nel capoluogo lombardo ha avviato in questi giorni  la sostituzione dei piatti di plastica monouso con piatti compostabili  per 46 mila alunni al giorno.

 

Beniamino Bonardi

© Riproduzione riservata

Foto: iStockphoto.com

sostieniProva2

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal): clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Coca-Cola dice addio all’imballo di plastica per le lattine. Dal 2020 arriva in Europa un nuovo packaging in cartone

Via la plastica dalle confezioni multiple di lattine di Coca-Cola in Europa. La multinazionale di …