;
Home / Efsa / Commissione Ue chiede a Efsa proposte per etichettatura dei prodotti alimentari entro il 2022

Commissione Ue chiede a Efsa proposte per etichettatura dei prodotti alimentari entro il 2022

canada sugar tax etichette a semaforo

In base al piano d’azione per la strategia UE dal produttore al consumatore, la Commissione europea intende presentare, entro la fine del 2022, una proposta di etichettatura nutrizionale armonizzata e obbligatoria, destinata alla parte anteriore delle confezioni, per definire i profili nutrizionali e limitare la promozione di alimenti ad alto tenore di sostanze come ad esempio sale, zuccheri e/o grassi.

La Commissione europea ha chiesto all’Efsa di fornire consulenza scientifica sulle sostanze nutritive importanti per la salute come energia e fibre; gruppi di alimenti che rivestono un ruolo importante nelle diete delle popolazioni europee e relativi sottogruppi; criteri atti a orientare la scelta di sostanze nutritive e altri componenti onde stabilire profili nutrizionali.
Nel mandato non viene chiesto all’Efsa di sviluppare un modello per la definizione di profili nutrizionali, né consulenza sugli attuali modelli di profilazione già in uso per scopi diversi.

Per lo studio gli esperti Efsa si avvarranno di informazioni scientifiche recenti, tra cui recensioni (già pubblicate) di raccomandazioni nutrizionali per una sana alimentazione basate su evidenze. Oltre a ciò, il documento si baserà su  studi scientifici dell’Efsa sui valori di riferimento per l’alimentazione e sui profili nutrizionali; linee guida nutrizionali dei singoli Paesi europei basate sugli alimenti; una disamina completa dei vari sistemi di etichettatura sulla parte anteriore della confezione messa a disposizione dalla Commissione europea.
L’Efsa dovrà consegnare il proprio parere scientifico entro marzo del 2022. Entro la fine del 2021 verrà indetta una consultazione pubblica sul parere in bozza.

© Riproduzione riservata.

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

Roberto La Pira

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

allevamento bovini manzo iStock_000048833802_Small

Bovini al macello, criticità e possibili soluzioni secondo Efsa. Si conclude la rassegna di valutazioni sul benessere animale

Come previsto, l’Efsa ha reso noto il suo parere sul benessere dei bovini al momento della …