Home / Etichette & Prodotti / Cereali da colazione: classici o muesli, fitness o golosi? Come sceglierli, con i suggerimenti di Altroconsumo

Cereali da colazione: classici o muesli, fitness o golosi? Come sceglierli, con i suggerimenti di Altroconsumo

prima colazione con cereali e frutta su sfondo tavolo rusticoUna colazione sana ed equilibrata è il modo migliore per iniziare la giornata. Eppure molti italiani continuano a saltarla o si limitano al classico caffè al volo. Altri preferiscono colazioni che di sano ed equilibrato hanno ben poco: cappuccino e brioche, tè e biscotti, fette biscottate e marmellata. A questo proposito, di recente abbiamo pubblicato i suggerimenti di una dietista per migliorare la propria colazione. Ma se non possiamo proprio fare a meno della nostra quotidiana tazza di latte e cereali, ci viene incontro Altroconsumo che ha analizzato i prodotti di aziende e supermercati, divisi tra classici, golosi, fitness e muesli, con i consigli per scegliere quelli più salutari.

I cereali classici hanno una formulazione molto semplice e comprendono ad esempio i fiocchi di mais, il riso soffiato e i fiocchi d’avena. La lista degli ingredienti è molto breve e si limita al cereale di turno, a cui possono essere aggiunti zucchero e sale – i due elementi critici a cui prestare attenzione – e, talvolta, anche vitamine e minerali. Anche il tipo di cereale fa la differenza: quelli a base di riso soffiato sono mediamente più calorici e contengono meno fibre di quelli in fiocchi. I migliori della categoria secondo il test di Altroconsumo, che ha valutato i prodotti con il sistema Edo (*), sono i fiocchi d’avena Carrefour e i corn flakes Più Cereali bio, che hanno come unico ingrediente il cereale di turno, e i corn flakes senza glutine Esselunga.

Alcuni tra i cereali classici contengono come ingrediente solo il cereale di base, altri hanno anche zucchero e sale aggiunti

Come suggerisce il nome, i cereali golosi sono quelli ripieni di creme, quelli glassati con miele o zucchero e quelli al cioccolato. Per compensare liste degli ingredienti e dichiarazioni nutrizionali non proprio brillanti, gran parte dei prodotti di questa categoria contengono vitamine e minerali, un’aggiunta messa bene in evidenza sulla confezione. I più critici tra i cereali golosi sono quelli ripieni, che hanno la lista degli ingredienti più lunga e spesso contengono nella crema oli vegetali (palma, colza o girasole) che fanno salire la quota di grassi. Altri prodotti, pur facendo parte di questa categoria, hanno una composizione decisamente più semplice: è il caso dei Pops al miele Fuchs, che contengono solo cinque ingredienti, di cui tre, però, sono zuccheri semplici (zucchero, sciroppo di glucosio e miele). Alla fine, i “migliori” tra i cereali golosi sono quelli al cacao, come le stelline e le palline al cacao bio Crescendo Coop e persino i classici Nesquik.

La terza categoria è quella dei cereali fitness e alla crusca, che possono contenere anche frutta o cioccolato. In questi prodotti, generalmente integrali, viene spesso aggiunto zucchero, ma non oli e grassi. Abbondano anche aromi, additivi, vitamine e minerali. Quelli con più kcal sono i cereali con cioccolato, che hanno anche più grassi. Al contrario quelli a base di crusca contengono percentuali di fibra molto alte, arrivando fino al 30-40%, e sono i meno calorici. Non stupisce quindi che quelli consigliati da Altroconsumo siano proprio gli Sticks Fibrette di crusca Tre Mulini e i bastoncini con crusca di frumento Piacersi Conad.

cereali colazione crusca
I cereali alla crusca sono i meno calorici della categoria fitness e contengono fino al 30-40% di fibra

Infine ci sono i muesli, cereali a base di fiocchi d’avena con frutta secca, frutta o cioccolato. Generalmente sono prodotti ricchi di fibre e poveri di sale, ma a seconda degli ingredienti aggiunti cambiano le quantità di zuccheri e grassi presenti: grassi e kcal lievitano man mano che aumentano cioccolato e frutta secca. Attenzione quindi agli ingredienti e alle varianti, come la granola, più calorica per la presenza di oli e zuccheri (spesso sotto forma di miele o sciroppi). I muesli con il punteggio migliore sono quelli alla frutta ViviVerde Coop, il muesli con farro, mela e soia croccante Colfiorito e quello biologico a marchio Jordans.

Per vedere i punteggi di tutti i cereali da colazione analizzati da Altroconsumo clicca qui.

(*) Edo è un sistema di valutazione degli alimenti che bilancia le caratteristiche “positive” e “negative” del prodotto, fornendo un punteggio da 1 a 100.

© Riproduzione riservata

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

carne finta fake meat burger

Ceci n’est pas une steak: la campagna contro l’uso dei nomi di prodotti a base di carne per i surrogati vegetali

L’hanno chiamata Ceci n’est pas une steak, Questa non è una bistecca, l’efficace campagna pubblicitaria che …

Un commento

  1. Avatar

    Sarebbe utile un articolo che parla dell’enorme differenza di prezzo tra cereali del discount e cereali di marca tipo “Kellog’s”. Parliamo di una differenza che può arrivare anche a un rapporto quasi da 1 a 3. Mediamente costano la metà e non penso che la differenza sia dovuta solo alla marca