;
Home / Nutrizione / Celiachia e sintomi gravi del Covid: un’eredità dei Neanderthal?

Celiachia e sintomi gravi del Covid: un’eredità dei Neanderthal?

Celiachia, Gluten intolerance concept. Young girl refuses to eat white bread - shallow depth of fieldCircolano in rete diverse teorie in merito all’origine della celiachia e alcune attribuiscono questa malattia a cause recenti, legate alla produzione industriale del grano. Sembrerebbe invece che, al contrario, si possa far risalire questa predispozione genetica addirittura all’uomo di Neanderthal. La celiachia è una reazione immunitaria all’assunzione di glutine che a lungo andare produce un’infiammazione che danneggia il rivestimento dell’intestino tenue e impedisce l’assorbimento di alcuni nutrienti (malassorbimento). Si stima che colpisca circa l’1% della popolazione italiana, quota che corrisponderebbe a circa 600 mila italiani, contro gli oltre 225 mila oggi diagnosticati. La celiachia è in realtà una patologia antica, presente fin dall’introduzione del grano nella dieta umana, la prima descrizione dei sintomi e dei suoi segni clinici risale al 250 d.C. e la sua diffusione si correla con l’assunzione di glutine presente nel grano e con incremento della coltivazione dei cereali. Recenti ricerche fanno sospettare che questa malattia abbia una componente genetica preumana, nel senso che coinvolge il genoma che la nostra specie di Homo sapiens ha acquisito dall’Homo neanderthalensis.

È noto che i Neanderthal scomparvero circa 40 mila anni fa, ma per lungo tempo in Medio Oriente, tra i 50 mila e i 60 mila anni fa, le due specie di Sapiens e Neanderthal hanno convissuto e si sono accoppiati, scambiandosi i geni. Per questo, in media il 2% del Dna di tutti gli esseri umani non africani di oggi ha un materiale genetico un tempo appartenuto ai Neanderthal e da loro ereditato e questi geni sono oggi oggetto d’intense ricerche. Riguardo ai geni del Neanderthal che nell’uomo moderno si ripetono con maggiore frequenza, si pensa oggi che abbiano un vantaggio evolutivo, fornendo alla nostra specie le difese genetiche contro i virus che abbiamo incontrato dopo l’uscita dall’Africa.

celiachia
I Neanderthal avevano un’alimentazione prevalentemente carnivora e, per quanto riguarda gli alimenti di origine vegetale, si presume che privilegiassero i frutti zuccherini

Degli oltre 4.500 geni che nell’uomo moderno interagiscono con i virus, 152 geni che abbiamo ereditato dai Neanderthal interagiscono con i virus Rna, i più semplici ma anche i più frequenti e veloci a riprodursi, tra questi i virus dell’Hiv, epatite C, influenza A e il batterio della peste (Galvani A.P., Novembre J., 2005). La nostra specie, acquisendo dai ‘cugini’ Neanderthal il materiale genetico da loro sviluppato, avrebbe quindi ottenuto un’arma per combattere pericolose infezioni, ma anche qualche rischio. Un recente studio indica che il principale fattore di rischio genetico per i sintomi gravi dopo l’infezione da Sars-CoV-2 e il ricovero in ospedale è conferito da un segmento genomico ereditato dai Neanderthal e presente in circa il 50% delle persone nell’Asia meridionale e il 16% in Europa (Hugo Zeberg, Svante Pääbo, 2020). Tra maggiori rischi acquisiti dai Neanderthal vi sarebbe anche quello della celiachia (Dubois P. C. A. et al., 2010) e ciò non deve stupire, perché i Neanderthal avevano un’alimentazione prevalentemente carnivora e, per quanto riguarda il consumo di alimenti di origine vegetale, si presume privilegiassero i frutti zuccherini, privi di glutine.

© Riproduzione riservata; Foto: AdobeStock, Fotolia

Il Fatto Alimentare da 11 anni pubblica notizie su: prodotti, etichette, pubblicità ingannevoli, sicurezza alimentare... e dà ai lettori l'accesso completamente gratuito a tutti i contenuti. Sul sito non accettiamo pubblicità mascherate da articoli e selezioniamo le aziende inserzioniste. Per andare avanti con questa politica di trasparenza e mantenere la nostra indipendenza sostieni il sito. Dona ora!

Roberto La Pira

  Giovanni Ballarini

Giovanni Ballarini
Professore Emerito dell’Università degli Studi di Parma e docente nella Facoltà di Medicina Veterinaria dal 1953 al 2002

Guarda qui

uomo schizzinoso broccoli

Giovani e adulti schizzinosi: cosa fare per cambiare il rapporto con il cibo?

Le persone schizzinose o selettive nel mangiare sono coloro che provano repulsione verso molti alimenti, …

3 Commenti

  1. Avatar

    Vabbè,
    ma da Neanderthal ad oggi c’è stata un’evouzione piuttosto lunga , da cacciatore raccoglitore si è passati da coltivatori allevatori.

    Tempo per adattarci al glutine c’è stato, consumiamo cereali da qualche millennio anche se i cereali nell’antico Egitto erano meno ricchi di glutine.

    mi sembra un po’ tirata come tesi

  2. Avatar

    Quindi chi è affetto da celiachia rischia di più nel contagio covid?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *