Home / Nutrizione / Stop alle bibite dolci nei menù per bambini: anche Burger King si converte ad acqua, succo di mela o latte

Stop alle bibite dolci nei menù per bambini: anche Burger King si converte ad acqua, succo di mela o latte

Burger King
Burger King dice stop alle bibite zuccherate nei menù per bambini

La pressione dell’opinione pubblica, meglio ancora se organizzata in lobby e associazioni di consumatori, ottiene risultati tangibili, anche sulle grandi multinazionali. Dopo McDonald’s e Wendy, anche la terza grande catena di fast food americani Burger King ha deciso di eliminare le bibite gassate e dolci dal menu dedicati ai bambini preferendo acqua, o succo di mela, o latte (normale o al cioccolato).

 

La decisione potrebbe essere presto estesa a tutti i paesi nei quali è presente il colosso dell’hamburger. Sembra un piccolo passo, ma secondo molti nutrizionisti le bibite dolci e gassate sono causa di carie e di aumento di rischio di diabete e malattie cardiovascolari e, infine, sono anche le principali responsabili dell’esplosione di obesità tra i bambini americani, passata –nella fascia di età compresa tra i 6 e i 9 anni – dal 7% del 1980 al 18% del 2012.

 

Cola with Ice. Food background
Al posto delle bibite zuccherate, ci sarà la scelta tra acqua, succo di mela o latte bianco o al cioccolato

In prima linea nella battaglia troviamo  il Center for the Science in the Public Interest, che in questo caso ha fatto propria una campagna lanciata da un’associazione di mamme, la MomsRising, con migliaia di volontari impegnati da due anni nei ristoranti. Alla fine è arrivato il risultato, i menu  perbambini non comprenderanno automaticamente le soda, che resterà disponibile su richiesta.

Secondo Margo Wootan, direttore del CSPI, si tratta di un cambiamento importante, che consentirà ai genitori di dire più facilmente no alle richieste dei figli, e permetterà di evitare l’abitudine a pasteggiare con le bevande dolci. Sempre secondo la Wootan, l’offerta di bevande dolci nei fast food ha sempre reso molto più difficile lo sforzo di chi cerca di aiutare gli americani a modificare le proprie abitudini . Ora i messaggi dei nutrizionisti saranno forse recepiti meglio, perché non contraddetti dal marketing.

bambini dieta mediterranea iStock_000021052623_Small
L’abuso di bibite zuccherate è collegato all’obesità

Il prossimo obbiettivo sono le altre grandi catene che, per il momento, fanno orecchie da mercante e, in particolare, Applebee, una delle più diffuse. Ma il vento sta cambiando, e presto potrebbe convincere anche i singoli ristoranti, a evitare l’offerta routinaria di soda, lasciando le bibite dolci solo ad alcune sporadiche occasioni.

 

 

 

Agnese Codignola

© Riproduzione riservata

Foto: iStockphoto.com

sostieniProva2

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal): clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Overweight business man eating with appetite a burger holding a can of soda drink

Cibo spazzatura e bevande zuccherate, sempre più numerosi gli studi che associano il consumo a rischi per la salute

Si sono moltiplicati, nelle ultime settimane, gli studi che associano un consumo regolare di cibo …

2 Commenti

  1. Anche il latte, al cioccolato poi, non è certo un alimento adatto ad un pasto… La cosa a cui non si pensa mai è che si potrebbero anche bere le bevande gassate in questi fast food perché, il mangiare un panino dovrebbe essere l’eccezione all’alimentazione e non la quotidianità. Uno strappo alla regola ci sta. O no?