; Brownie ai fagioli borlotti di Maria Vittoria Conti, biologa nutrizionista
Home / Nutrizione / Le ricette dei nutrizionisti: i brownie ai fagioli borlotti e cioccolato di Maria Vittoria Conti e Maria Pilar Princis

Le ricette dei nutrizionisti: i brownie ai fagioli borlotti e cioccolato di Maria Vittoria Conti e Maria Pilar Princis

Questa settimana, per le “Ricette dei nutrizionisti”, vi proponiamo i brownie ai fagioli borlotti e cioccolato, ideati dalla biologa nutrizionista Maria Vittoria Conti, presso il laboratorio di Dietetica e nutrizione clinica del Dipartimento di Salute pubblica, medica sperimentale e forense dell’Università di Pavia.

Ingredienti

  • 150 g di Fagioli borlotti cotti (50 g se pesati crudi)
  • 60 g di Cioccolato fondente ≥80%
  • 50 g di Stevia/ 150 g di eritritolo/ 130 g zucchero Mascobado
  • 40 g di Noci
  • 40 g di Cacao Amaro
  • 3 Uova intere
  • 1 g di Caffè in polvere
  • Scorza di arancia q.b. oppure Vaniglia
  • Pizzico di sale

BrowniePreparazione

1)    Tritare i fagioli cotti con le 3 uova, la scorza di arancia grattugiata ed un pizzico di sale.

2)    Separatamente unire in un recipiente: cacao amaro, stevia, caffè; aggiungere anche il cioccolato fondente e 20 g di noci, sminuzzate grossolanamente.

3)    Unire i due composti e amalgamare.

4)    Stendere il composto finale in una teglia rettangolare di medie dimensioni (diametro 18×15 cm), ricoperta con foglio di carta da forno.

5)    Guarnire con i 20 g di noci restanti, sminuzzate grossolanamente.

6)    Cuocere l’impasto in forno statico preriscaldato a 170° per i primi 15 minuti, poi in forno ventilato a 150 ° per altri 10/15 minuti.

7)    Controllare che il brownie sia cotto con la prova dello “stuzzicadenti”.

8)    Una volta terminata la cottura, togliere il dolce dal forno e lasciare riposare a T ambiente per 2h.

9)    Quando il brownie si sarà raffreddato, tagliare la torta a quadretti.

Perché sostituire la farina con i fagioli? L’idea di utilizzare i fagioli come ingrediente per un dolce può essere una soluzione alternativa e meno convenzionale per far consumare i legumi ai bambini, essendo un alimento non sempre ben accettato dai più piccini. Inoltre contenendo una buona quota di fibre e proteine, l’utilizzo dei legumi consente di modulare l’assorbimento di zuccheri e grassi. L’accortezza di preferire la Stevia allo zucchero permette di abbassare la quota calorica della porzione di dolce, utile per chi dovesse seguire un regime alimentare controllato in calorie.

Ricordiamo che la Stevia è una miscela di sostanze estratte dalla pianta Stevia Rebaudiana, appartenente alla famiglia delle Compositae o Asteraceae. Nativa del Paraguay, predilige le zone soleggiate, calde e umide e attualmente viene coltivata in diversi paesi, tra cui Brasile, Argentina, Etiopia, lndia e Cina. Le foglie della pianta contengono sostanze dolci, ovvero i glicosidi steviolici, il cui consumo è stato legalmente consentito alla fine del 2011 dall’Unione Europea con il regolamento CE 1131/2011.

Questa versione di brownie con i fagioli non prevede l’utilizzo di farina di frumento, questo rende il dolce adatta anche ai celiaci, non contenendo glutine.

Qualche consiglio? La porzione di brownie consigliata, pari a 50 g – due quadrotti, contiene 134 kcal e rappresenta quindi un’alternativa gustosa ma anche sana, sia per la merenda da consumare con thé, tisana o spremuta di arancia fresca, sia per la colazione, accompagnata da cappuccino con latte vaccino o vegetale di soia oppure con una porzione di yogurt bianco.

Ricetta di Maria Vittoria Conti e Maria Pilar Princis 

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

Roberto La Pira

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Il cibo a colori: i benefici di una dieta ricca di frutta e verdura variopinta su Almanacco della Scienza

Rosso, viola, verde, giallo, bianco, blu, arancione. Sono tantissimi i colori della frutta e della …

5 Commenti

  1. Avatar
    maria paola brandano

    E se metto un po’ di lievito? Mi sembra, a vederla, troppo compatta.

  2. Avatar

    O ecco! Qui si che si può parlare di un dolce sano per tutta la famiglia, altro che le ricette dei ciambelloni con farina 00 e zucchero dove al posto del burro mettono olio e yogurt e secondo loro è sano.

  3. Avatar
    Stefania De Carli

    Ottima. Io ho messo un po’ più di fagioli e, in proporzione, più cioccolato, ed è venuta ottima!!! Grazie per la bella idea

  4. Avatar

    Suppongo che per i piccini si possa fare a meno del caffè