;
Home / Nutrizione / Farmacia o gastronomia? Che senso ha comprare brioche e pomodoro anti-età, carote anti-stress, pasta anti-colesterolo…

Farmacia o gastronomia? Che senso ha comprare brioche e pomodoro anti-età, carote anti-stress, pasta anti-colesterolo…

Il cornetto Welness anti-età per la colazione al mattino, la passata di pomodoro Pomì L+ ricca di licopene per ringiovanire, la pasta Colavita per ridurre il colesterolo, la carota della Piana del Fucino per combattere lo stress…. E’ un campionario dei messaggi pubblicitari utilizzati da aziende un pò spregiudicate per incentivare la vendita di prodotti arricchiti da proprietà mirabolanti.

Lo schema è identico a quello delle vitamine di trent’anni fa che però risultavano il  più delle volte inutili. Dopo le vitamine sono arrivati gli antiossidanti per salvaguardare le cellule, gli  omega 3 per aiutare il cuore, i betaglucani contro il colesterolo, il selenio, il resveratrolo e decine di micronutrienti  dai  nomi complicati.  Per fare capire l’utilità dei nuovi prodotti la pubblicità  bombarda i consumatori con messaggi improbabili ma efficaci, visto che il trend del cibo salutistico cresce a dispetto della crisi economica e dei prezzi elevati.

Quando faccio la spesa scelgo la pasta con più proteine e non quella che promette di ridurre il colesterolo, lo yogurt ricco di frutta e con poco zucchero e non quello con  batteri stratosferici che costano il doppio,   la merendina con pochi additivi e meno grassi vegetali (meglio se con il burro),  la salsa di pomodoro più saporita, la verdura e la frutta locale evitando quella acerba e sperando in un elevato  tenore zuccherino. Il latte lo compro intero fresco, scelgo il pesce  proveniente da  allevamenti nazionali perché quello greco non è un granché, e compro  il prosciutto cotto di alta qualità.
Alla fine il carrello contiene prodotti ottimi con livelli più che sufficienti di vitamine, antiossidanti, betaglucani, calcio, licopene ,resveratrolo… e  tutti i micronutrienti pubblicizzati negli alimenti arricchiti ma non ci sono cibi antiaging o anti stress ….d’altro canto non ho fatto la spesa in farmacia.

Roberto La Pira

 

Avatar

Guarda qui

mensa

Porzioni più piccole e cibi di migliore qualità in mensa per combattere l’obesità: la ricetta dei ricercatori di Cambridge

Ridurre le porzioni e la disponibilità di alimenti di bassa qualità: è questa la ricetta …

3 Commenti

  1. Avatar
    alfredo clerici

    Bravo Roberto!!!

  2. Avatar

    ASSOLUTAMENTE VERO!
    NON SE NE PUO’ PIU’ DI COMUNICAZIONE TRUCCATA DA INFORMAZIONE (TV COMMERCIALE E GOVERNO INSEGNANO…)

  3. Avatar

    In effetti, se entri in una farmacia ti sembra di essere al supermercato… prezzi a parte.