Home / Recensioni & Eventi / Borse di studio dell’Istituto zooprofilattico di Lazio e Toscana per 30 figure professionali. Candidature entro il 28 marzo

Borse di studio dell’Istituto zooprofilattico di Lazio e Toscana per 30 figure professionali. Candidature entro il 28 marzo

Scientist inspecting meat sample at laboratorySi chiuderà il 28 marzo 2019 il bando per l’assegnazione di borse di studio per la collaborazione a progetti finalizzati e di ricerca scientifica dell’Istituto zooprofilattico sperimentale del Lazio e della Toscana. I laureati e le figure professionali che possono candidarsi sono numerose e comprendono veterinari, biologi, chimici, bioinformatici, ingegneri gestionali, ma anche periti chimici e agrari, grafici e programmatori. L’elenco completo delle 31 figure professionali che possono partecipare al bando si può trovare nel bando.

I candidati, oltre ad essere in possesso di uno dei titoli elencati nel bando, non devono avere più di 42 anni di età alla data di scadenza della presentazione domande. Gli idonei sono inseriti in elenchi a cui i responsabili dei progetti di ricerca attingono per selezionare i candidati all’assegnazione delle borse, che saranno esaminati da una commissione.

Le candidature possono essere inviate via raccomandata, PEC oppure consegnate a mano entro il 28 marzo 2019. Per tutte le informazioni sulle modalità di candidatura e la modulistica clicca qui.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

studenti universita scuola

Master in “Cibo & Società: innovare pratiche, politiche e mercati alimentari”: il nuovo corso dell’Università di Milano Bicocca

Al via il master di primo livello “Cibo & Società: innovare pratiche, politiche e mercati …

2 Commenti

  1. E come sempre mancano i tecnologi alimentari e gli agronomi. Basta con le lobby, riconosciamo il merito e la competenza. Quando ci si occupa di sicurezza alimentare, di trasformazione e conservazione degli alimenti, di fitofarmaci o di micotossine, non si può prescindere da queste figure.