Home / Nutrizione / Il biologico negli USA: gli enti certificatori non fanno rispettare i requisiti alle aziende agricole e non ispezionano in loco

Il biologico negli USA: gli enti certificatori non fanno rispettare i requisiti alle aziende agricole e non ispezionano in loco

frutta,agricoltura, biologico 200406755-001
Gli enti certificatori del biologico non farebbero il loro lavoro, permettendo alle aziende di non rispettare i requisiti

Nell’ultimo decennio, il mercato del biologico negli Stati Uniti è quasi triplicato, raggiungendo i 35 miliardi di dollari, con oltre venticinquemila aziende agricole e altre organizzazioni che operano in questo settore. Attualmente ci sono 81 soggetti autorizzati a certificare le aziende e i prodotti biologici. Dei 37 enti che quest’anno sono stati sottoposti a una revisione completa da parte del Dipartimento dell’Agricoltura, ben 23 sono stati segnalati, perché non fanno rispettare correttamente i requisiti richiesti alle aziende agricole e non effettuano appropriate ispezioni in loco. Lo denuncia il Wall Street Journal, sulla base di un rapporto interno del Dipartimento dell’Agricoltura.

 

Secondo un’indagine condotta dal quotidiano, nell’ultimo quinquennio il 40% dei soggetti certificatori è stato segnalato almeno una volta dal governo per aver condotto ispezioni incomplete; il 16% ha mancato di segnalare il potenziale utilizzo di pesticidi e antibiotici vietati; il 5% non è riuscito a prevenire la commistione di prodotti biologici e non biologici. Tra gli 81 enti certificatori del biologico autorizzati dal governo, ci sono piccole organizzazioni non profit, enti statali e grandi multinazionali, che vengono pagati dai soggetti sottoposti a certificazione. I certificatori che non rispettano le regole hanno la possibilità di rimediare alle mancanze ma, se ciò non avviene, rischiano di essere cancellati, come è avvenuto in tre casi, da quando il programma è partito nel 2002. Il governo non dispone di un database aggiornato sulle aziende biologiche certificate e di quelle sospese.

Beniamino Bonardi

© Riproduzione riservata

Foto: iStockphoto.com

sostieniProva2

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal): clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare

 

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Funny overweight sportsman lying down exhausted on the gym's floor

La ministra Giulia Grillo propone contro l’obesità buoni per attività fisica. Una ricetta inefficace che però piace alle multinazionali

L’ultima proposta della ministra della Salute Giulia Grillo, per contrastare l’epidemia di obesità e sovrappeso …