Home / Efsa / Benessere dei polli, Efsa individua i punti critici nel momento della macellazione. Il primo documento di una serie

Benessere dei polli, Efsa individua i punti critici nel momento della macellazione. Il primo documento di una serie

polli galline carne allevamento gabbieL’Europa fa sul serio con il benessere animale. L’Efsa, infatti, ha appena pubblicato un documento sul benessere dei polli, il primo di una serie nella quale verranno analizzati nel dettaglio tutti i processi che portano alla macellazione, messe in evidenza le possibili carenze e, soprattutto, gli aspetti sui quali è possibile intervenire per migliorare le condizioni degli animali, come freddo, fame, sete, possibilità di movimento e dolore.

In generale, per quanto riguarda il pollame, sono stati individuati diversi momenti critici, quasi tutti riconducibili alla scarsa preparazione professionale del personale che, al contrario di quanto Efsa auspica, troppo spesso non è adeguatamente formato a gestire le varie fasi della macellazione.

Nello specifico, sono state individuate tre momenti principali: il pre-stordimento (che comprende la fase di arrivo dei polli e l’ingabbiamento), lo stordimento, che coincide in alcuni casi con l’uccisione e comprende l’immobilizzazione, e il dissanguamento. I metodi di stordimento dei polli sono stati raggruppati in tre categorie: elettrici, in atmosfera modificata e meccanici.

Nel complesso, sono stati individuati 35 passaggi che possono essere a rischio di maltrattamenti. In 29 di essi la responsabilità è degli addetti alle diverse pratiche, quasi sempre (in 28 casi) per la mancanza di un’adeguata preparazione o per l’eccessiva durata dei turni, e la conseguente stanchezza dei lavoratori. Sono state poi indicate 11 pratiche che potrebbero migliorare la situazione e che mettono in luce il ruolo di primaria importanza del management del macello nel gestire al meglio la lavorazione.

Efsa ha individuato 35 criticità nel processo di macellazione dei polli che ne peggiorano le condizioni, quasi tutte dovute al personale del macello

Le possibili tipologie di maltrattamenti identificate sono dieci: stato di coscienza, stress da caldo o da freddo, fame o sete prolungate, restrizione nei movimenti, dolore, paura, stress generale e difficoltà respiratorie.

Il documento sul benessere dei polli al macello contiene anche foto e disegni molto chiari su cosa accade e cosa, invece, dovrebbe accadere, ed è lungo novanta pagine. A esso faranno seguito, nel 2020, analoghi pareri sui suini (marzo), bovini (giugno) e altre specie (dicembre). “Le risultanze – si legge nel comunicato finale – saranno utilizzate dalla Commissione europea nei dibattiti con l’Organizzazione mondiale della salute animale (OIE) finalizzati ad allineare gli approcci al benessere degli animali in fase di macellazione”.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

  Agnese Codignola

Agnese Codignola
giornalista scientifica

Guarda qui

Food pollution and contamination

Pesticidi, in Europa il 96% dei campioni è sotto i limiti di legge, ma si ignora ancora l’effetto cocktail. Il rapporto annuale di Efsa

L‘Efsa ha reso noto l’annuale rapporto sui pesticidi, diffuso anche in una forma sintetica e …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *