;
Home / Etichette & Prodotti / Avocado, tra dieci anni sarà il frutto tropicale più venduto nel mondo e soprattutto in Europa e Usa

Avocado, tra dieci anni sarà il frutto tropicale più venduto nel mondo e soprattutto in Europa e Usa

Half avocado fruit holding by hand, healthy fruitIl rapporto Agricultural Outlook 2021-2030 dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (Ocse) e dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (Fao), ritiene che l’avocado sarà il frutto tropicale più commercializzato entro il 2030, anno in cui la produzione dovrebbe arrivare a 12 milioni di tonnellate superando ananas e mango. I motivi di tanto successo sono da ricercare nei prezzi elevati e nell’incremento della domanda mondiale. Attualmente la produzione di avocado riguarda soprattutto un ristretto numero di Paesi tropicali situati in America Latina e nei Caraibi per le favorevoli condizioni meteorologiche.

Il Messico (considerato il principale produttore ed esportatore al mondo), nel prossimo decennio dovrebbe incrementare la produzione del 5 % circa l’anno, per soddisfare la crescente domanda degli Stati Uniti. Gli Usa e l’Unione europea, dove l’interesse per l’avocado è in costante crescita, continueranno a essere i principali consumatori, rappresentando rispettivamente il 40 e poco più del  30% delle importazioni mondiali nel 2030, anche se sensibili incrementi di consumo si registrano in altri Paesi, come la Cina e alcune nazioni del Medio Oriente.

© Riproduzione riservata

Il Fatto Alimentare da 11 anni pubblica notizie su: prodotti, etichette, pubblicità ingannevoli, sicurezza alimentare... e dà ai lettori l'accesso completamente gratuito a tutti i contenuti. Sul sito non accettiamo pubblicità mascherate da articoli e selezioniamo le aziende inserzioniste. Per andare avanti con questa politica di trasparenza e mantenere la nostra indipendenza sostieni il sito. Dona ora!

Roberto La Pira

 

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

planet-score

In Francia arriva il Planet-Score, la nuova etichetta che valuta pesticidi, clima, biodiversità e benessere animale

Dopo il Nutri-Score e più recentemente l’Eco-Score (*), in Francia è stato sviluppato un nuovo sistema …

3 Commenti

  1. Avatar

    Da un punto di vista nutrizionale mi è simpatico ma non credo sia una buona idea mangiarne quantità consistenti, un cucchiaio al giorno è una quota passabile, non certo un frutto a botta e anche mezzo mi sembra tanto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *