Home / Lettere / La lettera di un produttore di pasta 100% made in Italy spiega le cause degli aumenti dei prezzi

La lettera di un produttore di pasta 100% made in Italy spiega le cause degli aumenti dei prezzi

prezzi pasta, foto girolomoniA proposito delle tensioni sui prezzi dei beni alimentari. Pubblichiamo una lettera inviata a metà marzo ai suoi clienti da Giovanni Battista Girolomoni, presidente della Cooperativa Agricola Gino Girolomoni. Lo scopo della lettera è di spiegare con trasparenza le motivazioni che hanno spinto l’azienda agli ultimi aumenti dei listini (dal 7 al 10% per la pasta). La cooperativa marchigiana è specializzata nella produzione di pasta biologica ottenuta con grano coltivato in Italia e vende nel nostro paese soprattutto ai gruppi d’acquisto e alle realtà focalizzate sull’offerta bio, ma ha anche un’intensa attività di esportazione.

Gentile Cliente,
ci troviamo in un momento storico difficile e complesso che, come tutti, non avremmo mai voluto affrontare. Le criticità che siamo chiamati a risolvere riguardano in particolare i costi dell’energia, i costi di trasporto e quelli dei materiali per gli imballaggi. Per quanto riguarda questi ultimi, si tratta di aumenti considerevoli, perché la loro produzione è ad alta intensità energetica (alcune cartiere si sono viste costrette a fermare gli impianti). Queste criticità mondiali hanno fatto schizzare verso l’alto i costi che ci vengono imposti dai nostri fornitori senza alcun preavviso, pena la mancata consegna dei materiali necessari alla produzione della nostra pasta. Purtroppo non possiamo fare altro che adeguarci e subire gli aumenti, pur lavorando senza sosta per ottimizzare i costi, la gestione e l’efficienza della nostra catena produttiva. Come Cooperativa, sapete bene che il nostro faro è da sempre la tutela e la salvaguardia delle centinaia di famiglie che ripongono la loro fiducia in noi, che siano gli agricoltori o i lavoratori della Cooperativa.

prezzi pasta, foto Girolomoni
Non possiamo fare altro che adeguarci e subire gli aumenti dei prezzi, pur lavorando per ottimizzare i costi, la gestione e l’efficienza della catena produttiva

Dopo l’aumento dello scorso autunno, che rifletteva l’incremento enorme del costo del grano, ci troviamo quindi ora costretti ad aumentare i nostri prezzi di vendita ancora una volta. Oltretutto, e sappiamo che è una cosa che non avremmo mai voluto fare, lo dobbiamo fare prima della scadenza naturale dei listini, vista l’assoluta eccezionalità degli shock subiti. Purtroppo, in questi 3 mesi, da gennaio a marzo, ci siamo fatti carico di questi maggiori costi, confidando che la situazione potesse rientrare. Così non è stato, e anzi si prospettano ancora diversi mesi di tensioni e difficoltà di reperimento dei materiali. Il nuovo listino sarà valido a partire dagli ordini in arrivo dal 1° aprile 2022. In questo frangente di tempo prima dell’aumento, accetteremo gli ordini per un importo in linea con la media del periodo.

Prima di concludere vogliamo comunque tranquillizzarvi dal punto di vista delle materie prime. Avendo costruito negli anni una filiera agricola estesa, siamo tranquilli circa la disponibilità di grano per produrre la pasta. Il grano duro non manca e, salvo ulteriori shock (blackout o mancanze di materiali di imballaggio), saremo in grado di soddisfare le vostre richieste dei prossimi mesi. Siamo certi che, collaborando come abbiamo sempre fatto nel corso degli anni, riusciremo a trovare le soluzioni e a tornare insieme a vivere momenti migliori.

Giovanni Battista Girolomoni

© Riproduzione riservata; Foto: Girolomoni

Il Fatto Alimentare da 12 anni pubblica notizie su: prodotti, etichette, pubblicità ingannevoli, sicurezza alimentare... e dà ai lettori l'accesso completamente gratuito a tutti i contenuti. Sul sito non accettiamo pubblicità mascherate da articoli e selezioniamo le aziende inserzioniste. Per andare avanti con questa politica di trasparenza e mantenere la nostra indipendenza sostieni il sito. Dona ora!

Roberto La Pira

  Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Pesto alla genovese Tigullio Star: rustico e genuino dice la pubblicità, ma i pinoli sono solo l’1%

Gentile redazione, vi scrivo per segnalarvi un comportamento dell’azienda produttrice del Gran Pesto alla Genovese Tigullio Star …

Un commento

  1. Mi rendo conto che la gente ogni giorno deve fare i conti in tasca per fare la spesa, causa la guerra, gli aumenti dei prezzi e le bollette lievitate . Ma oggi come oggi acquistare pasta e prodotti gastronomici locali, made in Italy, a Km 0 è un aiuto e una necessità per mantenere in vita il nostro bel paese. Si può acquistare la qualità made in Italy attuando acquisti oculati e scelti con cura. Quando entrate in un supermercato prendetevi il vostro tempo, e non inserite nel carrello prodotti a caso pur di far vedere ai vostri famigliari quante delizie si sono acquistate. Comprare meno, ma comprare made in Italy deve essere l obbiettivo di ogni consumatore italiano. Perché il made in Italy fornisce garanzia di qualità .. E poi aiutiamo il nostro paese che è in difficolta.