Home / Etichette & Prodotti / Arriva in Europa il latte di dromedaria prodotto a Dubai. Lo ha deciso un provvedimento pubblicato sulla Gazzetta UE

Arriva in Europa il latte di dromedaria prodotto a Dubai. Lo ha deciso un provvedimento pubblicato sulla Gazzetta UE

cammello 147679049
L’Ue ha autorizzato la vendita di latte di dromedaria dal mese di aprile 2013

«Gli Stati membri autorizzano l’importazione di partite di prodotti a base di latte di camelidi della specie Camelus dromedarius provenienti dai paesi terzi a condizione che tali prodotti a base di latte siano stati sottoposti a un trattamento termico…».

È questa la frase che autorizza a partire dalla fine di aprile 2013 l’importazione e la vendita nei supermercati di latte di dromedaria e prodotti derivati in tutti e 27 i prodotti dell’EU.

 

Il testo prevede che l’importazione avvenga solo dall’emirato del Dubai, dove gli allevamenti sono esenti da afta epizootica e nelle aziende agricole si adottano adeguate misure sanitarie valutate in precedenza dai membri dell’ufficio veterinario dell’UE.

 

L’azienda Camelicious inizierà consegnare latte di dromedaria in polvere, siero di latte in polvere e latte fresco di dromedaria, esclusivamente sul canale B2B e scopi di ricerca. Quindi questi prodotti non sono direttamente disponibili per il consumatore. Unica eccezione è il cioccolato al latte di dromedaria Al Nassma, già in vendita presso la Galleria Gourmet di Parigi così come in Julius Meinl am Graben a Vienna come off luglio 2013.

 

Foto: Photos.com, Dubaiblog.it

© Riproduzione riservata

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

McDonald’s: troppo zucchero nel gelato McFlurry. Una coppetta contiene quasi 7 zollette

Quante zollette ci sono nel gelato McFlurry di McDonald’s? In ogni coppetta da 160 g …

4 Commenti

  1. Curiosità: si trova in Italia? E, se si, dove?

  2. Scusatemi, ma sono ignorante in materia quindi 1) nn capisco cosa si intende per “esclusivamente sul canale B2B””? 2) Questo latte potrebbe arrivare al consumatore per via indiretta ossia nei prodotti dell’industria alimentare? O nei tessuti (attualmente esistono sul mercato fibre realizzate col latte vaccino per esempio) 3) In generale il regolamento europeo in maateria di etichette alimentari prevede che venga specificato l’animale di provenienza? Grazie per l’attenzione.