Home / Nutrizione / È vero che l’ananas brucia i grassi? ISSalute sfata il mito

È vero che l’ananas brucia i grassi? ISSalute sfata il mito

ananas fetta succo bicchiere cannucciaSpesso si sente dire che l’ ananas bruci i grassi. Verità o bufala? Sulla capacità del frutto di agire come dimagrante risponde l’Istituto superiore di sanità in un articolo pubblicato sul portale ISSalute.

L’ananas è un frutto ricco d’acqua (circa 86%) con poche calorie (40 kcal per 100 grammi) e ha un discreto apporto in potassio, vitamina A e C, e polifenoli. Ottimo alimento, come tanti altri tipi di frutta, ma non in virtù di questa pretesa capacità di eliminare i grassi. Il falso mito deriva dal fatto che l’ananas contiene un enzima, la bromelina, in grado di rompere le molecole proteiche degli alimenti rendendole più digeribili, ma che non ha alcuna attività sui grassi. Alcuni studi clinici hanno mostrato gli effetti antiedematoso (riduzione della ritenzione di liquidi), anti-infiammatorio e anti-trombotico della bromelina ma non c’è nessuna traccia di un ostacolo all’assimilazione dei grassi.

Una considerazione riguarda il contenuto di bromelina nell’ananas: esso è molto più alto nel gambo che nella polpa e per questo motivo gli integratori alimentari che si trovano in commercio sono un concentrato di enzima estratto dal gambo fresco, che è in realtà lo scarto del frutto. Va inoltre detto che l’ananas non è mai un prodotto di stagione alle nostre latitudini e il consiglio è sempre quello di preferire frutti locali consumati nella stagione giusta.

Per questi aspetti comunque l’ananas può risultare ideale per una dieta ipocalorica, ma non fa dimagrire: la vera perdita di grasso si ottiene solo attraverso una dieta equilibrata potenziata dall’attività fisica.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Overweight business man eating with appetite a burger holding a can of soda drink

Troppi alimenti ultra-trasformati sono un rischio per la salute del cuore. Il monito dei cardiologi americani

Gli alimenti ultra-trasformati hanno un impatto significativo sulla salute globale del cuore, e per questo …