Home / Supermercato / Napoli: la spesa più economica da Sigma seguita da IperFamila e IperCoop. Nel discount vince Eurospin

Napoli: la spesa più economica da Sigma seguita da IperFamila e IperCoop. Nel discount vince Eurospin

donna spesaUna famiglia di quattro persone che a Napoli deve fare la spesa al supermercato in un anno spende 7.840 € praticamente la stessa cifra di Milano (7.887 €). È quanto emerge dall’indagine annuale di Altroconsumo che evidenzia anche un risparmio  tra il punto vendita più caro e il meno caro di oltre  700 euro. I supermercati napoletani più virtuosi sono quelli di Sigma (che risultano dell’11% più costoso rispetto al supermercato meno caro d’Italia che quest’anno è Spesa Facile a Rovigo), a distanza di  due punti percentuali troviamo IperFamila e IperCoop, mentre da Decò Maxistore e Auchan il costo annuale lievita del 5%. In coda alla classifica, come in molte altre realtà, troviamo Carrefour Market.

A Napoli chi preferisce i discount dovrebbe fare la spesa da Eurospin. In  questa catena considerando il paniere di Altroconsum,  l’importo  annuo arriva a 3.470 € , seguito da Lidl con 3.508, Penny Market con 3.725 e Md con 3.775.

L’inchiesta di Altroconsumo  grazie all’analisi dettagliata dei prezzi di oltre un milione di prodotti in 70 diverse città, dà l’opportunità ai consumatori di individuare il punto vendita più adatto alle esigenze di ognuno. Tramite l’apposita sezione del sito è possibile per gli abbonati inserire la regione e la città di interesse, descrivere il proprio nucleo familiare e le abitudini di spesa e scoprire sia il supermercato più conveniente, sia quanto si potrebbe effettivamente risparmiare scegliendo oculatamente dove andare a fare la spesa.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Glass jar of sauce in the hands of the buyer. Sauce in the hands of the buyer at the grocery store

Stop alle aste sul cibo con il sistema del doppio ribasso: serve una legge contro le pratiche sleali che favoriscono il caporalato. L’appello di Terra!

Vietare per legge le aste al doppio ribasso sui prodotti agroalimentari. Lo chiede l’associazione Terra! …

2 Commenti

  1. E pensare che qui in Veneto Famila e soprattutto Ipercoop sono tra i più cari! Lo scettro comunque spetta a Despar. Mi viene il dubbio: nella stessa catena di supermercati i prezzi variano in base alla regione o al sud, forse per minore concorrenza i supermercati sono più cari?