Home / Nutrizione / Allergie alimentari: raddoppiate in 23 anni negli afro-americani. Lo studio ha coinvolto più di 400.000 bambini tra il 1988 e il 2011

Allergie alimentari: raddoppiate in 23 anni negli afro-americani. Lo studio ha coinvolto più di 400.000 bambini tra il 1988 e il 2011

allergie alimentari 160047648
Le allergie alimentari sono diffuse tra i bambini afro-americani

Le allergie alimentari tra i bambini statunitensi stanno aumentando, in particolare tra quelli di colore, dove si è registrato quasi un raddoppio negli ultimi 23 anni. Lo rileva uno studio pubblicato dalla rivista Annals of Allergy, Asthma and Immunology. Lo studio ha analizzato i casi di 452.237 bambini fra il 1988 e il 2011, riscontrando un tasso di aumento delle allergie alimentari del 2,1% per cento per decennio tra i neri, dell’1,2% tra gli ispanici e dell’un per cento tra i bianchi.

 

 

allergie alimentari 461900817
L’aumento delle allergie può essere dovuto alle nuove abitudini alimentari o a un maggior riconoscimento

Corinne Keet, della Johns Hopkins University, che ha guidato lo studio, osserva che “questo straordinario trend di allergie alimentari deve essere ulteriormente valutato, per scoprire la causa”. Infatti, “sebbene gli afro-americani abbiano generalmente livelli più elevati di IgE, gli anticorpi che il sistema immunitario crea in maggior quantità quando si ha un’allergia, solo recentemente hanno segnalato allergie alimentari più frequentemente dei bambini bianchi. Se questo aumento sia dovuto a un maggior riconoscimento delle allergie da parte degli afro-americani o se sia legato a cambiamenti ambientali, rimane una questione aperta”.

 

Beniamino Bonardi

© Riproduzione riservata

Foto: Photos.com

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Woman Suffering Toothache After Eating Chocolate

Zucchero & carie: è il momento di scelte radicali per la salute dentale. A partire dalle responsabilità di Big Sugar

Le campagne di salute pubblica hanno troppo spesso ignorato quella dentale, ma ora è indispensabile …